Le borse di San Paolo e Città del Messico confermano il rimbalzo

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso ieri in rialzo.

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato lo 0,3% a 61.429,79 punti. I volumi di scambio sono stati molto bassi a causa della partita della nazionale brasiliana di calcio contro l'Olanda. Il Bovespa ha beneficiato anche oggi della positiva performance dei bancari. Banco do Brasil (BRBBASACNOR3) ha chiuso in rialzo dell'1,3%, Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) dello 0,9% e Itau Unibanco (BRITAUACNPR3) dello 0,9%. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha guadagnato l'1,2%. Il Ministro brasiliano dell'Energia ha dichiarato che l'emissione di nuovi titoli dell'impresa brasiliana non verrà rinviata e verrà effettuata il prossimo settembre. Vale (BRVALEACNPA3) ha perso lo 0,5%. Goldman Sachs ha tagliato le sue stime sulla crescita dell'economia cinese. Gli ordinativi all'industria sono inoltre calati lo scorso mese negli USA più di quanto atteso dagli analisti.

L'IPC a Città del Messico ha chiuso in rialzo dello 0,6% a 31.379,67 punti. Tra le blue chips messicane América Móvil (MXP001691213) ha guadagnato l'1%, Grupo Mexico (MXP370841019) lo 0,5% e Wal-Mart de Mexico (MXP810081010) lo 0,5%. Cemex (MXP225611567) ha perso lo 0,3%.

Tra gli altri listini del continente sudamericano il Merval a Buenos Aires ha guadagnato lo 0,4% e l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,9%. L'IBVC a Caracas ha perso lo 0,1%, il General a Lima lo 0,1% e il Colcap a Bogotà lo 0,3%.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS