Petrolio: L'Argentina annuncia la nazionalizzazione di YPF

Buenos Aires ha l'intenzione di espropriare il 51% delle azioni della compagnia petrolifera.

L'Argentina nazionalizzerà la compagnia petrolifera YPF (ARP9897X1319). Lo ha annunciato la Presidente Cristina Fernández de Kirchner. Il Governo argentino ha inviato al Congresso una bozza di legge che prevede la nazionalizzazione del 51% delle azioni di YPF. L'espropriazione riguarderà il 25,5% posseduto dalla famiglia Eskenazi e un ulteriore 25% della spagnola Repsol (ES0173516115). Secondo la Kirchner il progetto di nazionalizzazione di YPF sarebbe diventato necessario perchè la compagnia non avrebbe effettuato gli investimenti concordati. La Kirchner ha indicato che la misura permetterà all'Argentina di aumentare la sua produzione dopo che il Paese è diventato di recente un importatore di petrolio. Della quota che verrà espropriata il 51% (circa il 26% del capitale di YPF) resterà nelle mani del governo centrale di Buenos Aires, il 49% (circa il 25% del capitale di YPF) verrà distribuito tra le province argentine produttrici di greggio. La decisione dell'Argentina di nazionalizzare YPF è stata subito aspramente criticata dalla Spagna, dall'UE e dagli USA.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X