Bancari: Sanpaolo e Dexia in trattative, fusione in arrivo?

CONDIVIDI
San Paolo-IMI (IT0001269361) e Dexia (BE0003796134) hanno confermato questa mattina di trovarsi in trattative senza però specificarne l'oggetto. Il quotidiano belga "De Tijd" ha riportato oggi che il gruppo finanziario italiano e Dexia sarebbero prossime a trovare l'accordo per una loro fusione. L'unione tra le due imprese farebbe nascere un gigante da circa €40 miliardi di capitalizzazione di borsa, il quarto gruppo europeo del settore. "De Tijd" ha scritto inoltre che se le due imprese non dovessero trovare l'accordo per una fusione un altro possibile esito delle trattative potrebbe essere la vendita di Fideuram (IT0000082963) a Dexia da parte di Sanpaolo. Nonostante un portavoce della banca torinese abbia escluso quest'ipotesi potrebbe essere proprio questo il probabile oggetto delle trattative. ING non crede ad una fusione tra Sanpaolo e Dexia. Il mercato bancario italiano non sarebbe ancora pronto per una fusione internazionale, questa possibilità sarebbe ancora meno probabile poco prima delle elezioni. Dexia potrebbe raggiungere invece importanti sinergie con Fideuram.Anche Morgan Stanley stima che un'unione tra le due imprese sia improbabile ed ha indicato la riluttanza della Banca d'Italia a partecipazioni straniere in banche italiane. Intanto secondo alcune nuove voci arrivate dal Belgio una fonte vicina a Dexia avrebbe dichiarato che le trattative avrebbero come oggetto anche una fusione. Bisogna quindi solo attendere gli ulteriori sviluppi della vicenda.
A Milano Sanpaolo è in rialzo dello 0,2%, Fideuram guadagna l'1,4%. A Parigi Dexia sale dell'1,5%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption