Un laptop mostra un grafico

I giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

Ancora notizie negative per gli investitori dal settore high-tech americano.
Sun Microsystems
(US8668101046)
ha presentato ieri dopo la chiusura delle borse statunitensi una deludente trimestrale. I ricavi dell’impresa leader nello sviluppo e produzione di reti informatiche hanno registrato lo scorso trimestre un calo dell’1,6% rispetto allo stesso periodo del 2003 a $2,84 miliardi. Gli analisti avevano atteso in media un leggero aumento a $2,94 miliardi. Per quanto riguarda l’utile per azione Sun ha invece centrato le stime presentando $0,01, esattamente come avevano atteso gli esperti di Wall Street. Questa circostanza non è bastata però ad evitare perdite al titolo nel dopo-borsa: -3,9% a $4,40. Sun Microsystems è riuscita infatti negli ultimi quindici trimestri solo due volte a presentare una crescita dei ricavi da anno ad anno. Secondo Brent Bracelin di Pacific Crest Securities il nuovo calo delle vendite dovrebbe aver ricordato al mercato che il complesso processo di riassetto dell’impresa di Santa Clara non è ancora terminato. Bracelin ha sottolineato però che Sun ha presentato per la seconda volta di seguito un trimestre con un utile positivo. Sun sarebbe sulla buona via e si starebbe trasformando sempre più in un’impresa di software e servizi. Bracelin ha confermato il suo rating sul titolo a “Outperform” con un target price a $8.
Il calo di Sun Microsystems nel dopo-borsa è stato poca cosa paragonato al crollo di Cree (US2254471012): -21,7% a $27,47. L’impresa specializzata nella produzione di semiconduttori e componenti elettronici al carburo di silicio ha fatturato lo scorso trimestre $97,5 milioni per un utile per azione di $0,32. Gli analisti avevano atteso in media ricavi di $100,2 milioni ed un utile per azione di $0,32. Cree ha lanciato inoltre un warning sul corrente trimestre. Cree attende un fatturato tra $94 e $98 milioni ed un utile per azione di $0,24-0,27. Le stime del mercato sono invece di ricavi di $103,5 milioni ed un utile per azione di $0,32. Deludente anche il margine lordo che è sceso dal 56% del trimestre precedente al 50,4%. Cree avrebbe sofferto soprattutto l’aumento dei costi di produzione dei diodi luminosi e il calo dei prezzi dei suoi prodotti.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borse Europee

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.