Il prezzo del petrolio riprende vigore, acquisti sugli energetici

CONDIVIDI
Dopo due settimane di pausa il prezzo del petrolio torna a far parlare di se. Sia il Brent a Londra che il Crude a New York mettono a segno dei forti rialzi (vedi la nostra pagina dedicata alle quotazioni del petrolio: Borsainside petrolio). Il mercato teme di nuovo uno squilibrio tra la domanda e l'offerta. Negli USA infatti ci troviamo all'inizio della stagione invernale. Se i prossimi mesi dovrebbero essere molto freddi allora l'offerta non potrebbe riuscire a soddisfare la forte domanda. I timori sono stati aumentati dalla formazione di un nuovo uragano nei Caraibi che minaccia la zona del Golfo del Messico. In questa regione sono ancora in corso su molte piattaforme di petrolio le riparazioni dei danni causati dagli uragani Katrina e Rita. Mercoledì inizia inoltre il processo contro Saddam Hussein. In Irak e nel Medio Oriente in generale potremmo assistere ad un aumento della violenza. Il nuovo balzo del prezzo del petrolio sostiene i titoli petroliferi che durante le scorse sedute erano stati oggetto di prese di beneficio. BP (GB0007980591) sale del 3,5%, Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) dell'1,6%, Total (FR0000120271) del 4,2% ed Eni (IT0003132476) del 2,5%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption