Mercati europei: Titoli petroliferi sotto pressione

CONDIVIDI
Seduta negativa per il settore petrolifero europeo che soffre a causa dell'ulteriore calo del prezzo del petrolio. Il future sul Crude ha chiuso ieri al NYSE in ribasso dell'1,3% a $56,98 al barile. Era dallo scorso 10 giugno che il future sul Crude non toccava tali livelli. Questa mattina il prezzo del petrolio ha dato ulteriori segni di debolezza sui mercati asiatici e il Brent a Londra si trova attualmente in ribasso (vedi la nostra pagina dedicata alle quotazioni del petrolio: Borsainside petrolio). Nel pomeriggio sono attesi negli USA i dati sulle scorte settimanali di petrolio. I dati potrebbero accelerare il trend ribassista del prezzo del petrolio. Dopo la devastazione degli uragani le piattaforme danneggiate nel Golfo del Messico sono da alcune settimane tutte di nuovo attive. Il clima nel Nord-Est degli Stati Uniti è stato finora molto mite. Queste circostanze dovrebbero aver avuto degli effetti positivi sull'aumento della produzione e quindi sull'offerta di petrolio. La negativa performance dei petroliferi pesa sull'andamento dei principali listini europei. Il FTSE 100 a Londra registra un calo dello 0,8%. L'EuroStoxx 50 perde lo 0,7%. Tra i singoli titoli BP (GB0007980591) perde l'1,3%, Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) lo 0,9%, Total (FR0000120271) il 2,2% ed Eni (IT0003132476) l'1,4%.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro