I giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

CONDIVIDI
Questa è una lista con alcuni ratings espressi oggi sulle blue chips europee da parte degli analisti delle più importanti banche d'affari.

Diageo
(GB0002374006)
Morgan Stanley
ha tagliato il suo rating su Diageo da "Overweight" ad "Equal-weight". Secondo la banca d'affari il potenziale di Diageo sarebbe ora limitato rispetto a quello delle principaöi concorrenti. La banca d'affari favorisce ora nel settore il titolo di InBev.

GlaxoSmithKline (GB0009252882)
Morgan Stanley ha tagliato il suo rating su GlaxoSmithKline da "Overweight" ad "Equal-weight" ed il target sul prezzo da 1.700 a 1.400 p. La banca d'affari ha spiegato il downgrade con le notizie negative arrivate su alcuni prodotti in via di sviluppo del colosso dell'industria farmaceutica. Secondo Morgan Stanley gli studi sul farmaco Redona, al momento solo "interrotti", dovrebbero essere definitivamente falliti. A partire dal 2012 inoltre sussisterebbero dei rischi riguardo le vendite di Avandia. Morgan Stanley continua a favorire nel settore Sanofi-Aventis e Roche.

Metro
(DE0007257503)
Lehman Brothers
ha tagliato il suo rating su Metro da "Overweight" ad "Equal-weight" ed il target price da €47 a €45. La ripresa dei supermercati Real dovrebbe mostrarsi difficile. Lehman Brothers ha indicato inoltre che il consumo in Germania continua ad essere piuttosto debole.

Sanofi-Aventis
(FR0000120578)
ING ha tagliato il suo rating su Sanofi-Aventis da "Buy" ad "Hold" ed il target sul prezzo da €87 a €76. Secondo ING sarebbe improbabile che il promettente farmaco Acomplia possa ricevere l'ammissione per il mercato statunitense prima della fine del prossimo aprile. La valutazione del titolo sarebbe moderata. ING non attende però nel breve termine dei catalizzatori per il corso delle azioni di Sanofi-Aventis.

Telecom Italia
(IT0003497168)
Exane BNP Paribas ha tagliato il suo rating su Telecom Italia da "Outperform" a "Neutral" ma confermato il target price a €2,40. Secondo la casa d'investimento il mercato italiano delle telecomunicazioni starebbe rallentando e perdendo decisamente terreno rispetto a quello europeo. Gli esperti di Exane BNP Paribas non credono inoltre che Telecom Italia possa riuscire a vendere i suoi assets ad un prezzo più alto del loro fair value.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption