Borse europee: Friday Bloody Friday…

Un laptop mostra un grafico

Le borse europee registrano oggi, finora, una delle più sanguinose sedute della loro storia. Il FTSE 100 perde a Londra il 7,3%, il DAX a Francoforte l’8,5%, il CAC40 a Parigi l’8,2%, lo SMI a Zurigo il 6,5% e l’S&P/MIB a Milano l’8,1%. La nuova pioggia di profit warning arrivata dal fronte societario ha indicato che la situazione macroeconomica sta deteriorando drammaticamente. Il PIL del Regno Unito è calato inoltre lo scorso trimestre dello 0,5%. Si è trattato della più forte flessione dal quarto trimestre del 1990 e della prima dal secondo trimestre dal 1992. Ormai un periodo di recessione in Europa è più che certo, la domanda che ci si pone è ora solo che entità avrà e quanto durerà. A questa domanda nessuno può rispondere perchè nessuno può prevedere il futuro. Le previsioni che si possono fare possono essere inoltre solo molto negative visto che l’attuale crisi sui mercati finanziari è semplicemente senza precedenti.
Le vendite colpiscono in particolar modo il settore dell’industria automobilistica. Peugeot (FR0000121501) ha tagliato questa mattina sensibilmente le sue stime per l’intero esercizio. Volvo (SE0000115446) ha pubblicato dei pessimi dati di bilancio, il suo CEO ha inoltre osservato che la crescita degli ordini è praticamente “uguale a zero”. Ieri già Daimler (DE0007100000) e Renault (FR0000131906) avevano tagliato le loro stime per il 2008. Peugeot perde il 10,2%, Renault il 16%, Daimler il 10,2%, Volvo il 19,5%, BMW (DE0005190003) il 7,6% e Volkswagen (DE0007664005) il 9,1%.
Anche i bancari soffrono in particolar modo. Nelle sale trading si vocifera oggi di nuovo che alcune banche europee si trovino in difficoltà ed abbiano bisogno d’aiuto. Barclays (GB0031348658) scende del 12,5%, Royal Bank of Scotland (GB0006764012) del 7,2%, Crédit Agricole (FR0000045072) del 9,8%, Deutsche Bank (DE0005140008) del 9,9%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) del 12,8% e Credit Suisse (CH0012138530) del 13,9%.
Da notare che per il momento c’è un solo superstite al massacro: Unipol (IT0001074571). Unipol è attualmente l’unico titolo dei principali indici di borsa del Vecchio Continente a salire (+1,4% a €1,40).

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Borse Europee

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.