UniCredit, utile netto terzo trimestre a 335 milioni, ricavi +6,9%

unicredit-utile-netto-terzo-trimestre-a-335-milioni-ricavi-69
UniCredit ha registrato lo scorso trimestre una solida performance. © iStockPhoto

I risultati di UniCredit hanno superato le previsioni degli analisti.

CONDIVIDI

UniCredit (IT0000064854) ha annunciato oggi di aver generato nel terzo trimestre del 2012 un utile netto di €335 milioni, rispetto alla perdita di €474 milioni dello stesso periodo del 2011. Gli analisti avevano atteso €100 milioni. La banca italiana ha beneficiato del calo dei costi e della solida performance delle sue attività nell'Europa orientale. I ricavi sono cresciuti del 6,9% a €6,1 miliardi. Gli esperti avevano previsto €6,05 miliardi. Il margine d'interesse è calato del 6,1% a circa €3,6 miliardi. UniCredit spiega che il trimestre si è caratterizzato per un calo costante dei tassi di mercato, in seguito alla riduzione dell'Euribor. Il costo del funding si è mantenuto inoltre elevato; i volumi commerciali sono rimasti deboli in tutta l'Europa occidentale, tanto che le continue iniziative di repricing non sono riuscite a sostenere significativamente i ricavi. Le commissioni nette sono state pari a €1,9 miliardi, in calo dello 0,8% rispetto al terzo trimestre del 2011. I redditi da negoziazione sono stati pari a €449 milioni , di cui €58,9 milioni dal riacquisto di ABS. Il margine operativo lordo è cresciuto del 29,5% a €2,4 miliardi. Gli accantonamenti sono calati dell'1,8% a €1,8 miliardi. Per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali, a fine settembre 2012 il coefficiente Core Tier I era pari al 10,7%, in aumento di 28 punti base rispetto al giugno 2012. Il coefficiente Common Equity Tier 1 (CET1), anticipando tutti gli effetti di Basilea 3, era pari al 9,3%, superiore alla precedente indicazione per il 2012 che era stata fissata al 9,1%. A Piazza Affari il titolo sale al momento di più del 3%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro