Crisi: Il governo britannico dimezza le previsioni di crescita

crisi-il-governo-britannico-dimezza-le-previsioni-di-crescita
Nella foto la bandiera del Regno Unito. © Shutterstock

Londra si attende ora per quest'anno un aumento del PIL dello 0,6%.

CONDIVIDI

Il governo britannico ha dimezzato le sue previsioni di crescita per il 2013. Il ministro delle Finanze, George Osborne, prevede ora per quest'anno un aumento del PIL dello 0,6% contro il +1,2% previsto in precedenza. Nonostante la debolezza dell'economia Osborne non si attende una nuova recessione. Nel quarto trimestre del 2012 il PIL del Regno Unito era calato dello 0,3%. Se la stima di Osborne dovesse essere esatta l'economia britannica non dovrebbe calare nel corrente trimestre. Gli economisti parlano infatti di "recessione tecnica" quando il PIL di un Paese si contrae per due trimestri consecutivi. Osborne continua ad attendersi che l'economia britannica riacquisterà forza nel 2014. Le previsioni per il prossimo anno sono state tagliate solo leggermente, da +2% a +1,8%. Per quanto riguarda i conti pubblici il rapporto deficit/PIL dovrebbe essere nel 2013 pari al 7,4% per scendere nel 2014 al 6,8%. Per il 2018 Osborne prevede un deficit al 2,2%.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro