Borsainside.com

Istat: La pressione fiscale continua a salire, il deficit scende al 4,1%

istat-la-pressione-fiscale-continua-a-salire-il-deficit-scende-al-41
Il peso delle tasse continua a salire. © iStockPhoto

La pressione fiscale si è attestata nel secondo trimestre del 2013 al 43,8%, in aumento dell'1,3% rispetto allo stesso periodo del 2012. Nel primo semestre la pressione fiscale è salita al 41,5% (40,6% nel 2012).

La pressione fiscale continua a salire in Italia. Secondo i dati dell'Istat si è attestata nel secondo trimestre del 2013 al 43,8%, in aumento dell'1,3% rispetto allo stesso periodo del 2012. Nel primo semestre la pressione fiscale è salita al 41,5% (40,6% nel 2012).




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Nei primi sei mesi del 2013 le uscite totali sono aumentate, su base annua, dello 0,3%; la loro incidenza rispetto al PIL è del 49,3% (48,5% nel corrispondente trimestre dell’anno precedente). Le uscite correnti sono aumentate dello 0,7% (+1,8% al netto della spesa per interessi), mentre quelle in conto capitale sono diminuite del 5,6%. Nei primi due trimestri del 2013 le uscite totali sono risultate pari al 49,6% del PIL (48,6% nel corrispondente periodo del 2012).

Nei primi due trimestri del 2013, le entrate totali sono aumentate dell’1,5% in termini tendenziali, con un’incidenza sul PIL del 45,5% (44,2% nel corrispondente periodo del 2012).

L'Istat ha inoltre comunicato che il rapporto deficit/PIL è calato nel primo semestre al 4,1% rispetto al 4,4% dello stesso periodo del 2012 ed al 7,3% del primo trimestre. Da notare è che il dato non è valido ai fini dei parametri di Maastricht perché non tiene conto delle operazioni di swap.

Nel secondo trimestre l'indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche rispetto al PIL si è attestato all'1% con un calo dell'1,2% rispetto a quello dello stesso trimestre del 2012.

In miglioramento anche il saldo primario grazie al calo della spesa per interessi: nel secondo trimestre è risultato positivo con un'incidenza sul PIL del 4,7% superiore dello 0,9% rispetto a quella del secondo trimestre del 2012.

Positivo anche il saldo corrente con una incidenza sul PIL dello 0,4% (0,2% del 2012).

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS