Italia: Le banche continuano a non concedere prestiti

italia-le-banche-continuano-a-non-concedere-prestiti
Nella foto, dettaglio della sede della Banca d'Italia. © Shutterstock

I prestiti al settore privato sono calati ad agosto del 3,5%. I prestiti alle famiglie sono scesi dell'1,2%, quelli alle società non finanziarie sono diminuiti del 4,6%. Ancora in aumento le sofferenze delle banche.

CONDIVIDI

I prestiti al settore privato sono calati ad agosto in Italia del 3,5% (-3,3% a luglio). Lo ha comunicato oggi la Banca d'Italia nel Supplemento al Bollettino Statistico "Moneta e banche".

I prestiti alle famiglie sono scesi dell'1,2% sui dodici mesi (-1,1% a luglio), quelli alle società non finanziarie sono diminuiti del 4,6% (-4,1% a luglio).

I tassi d'interesse sui finanziamenti erogati alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono stati pari a 3,91% (3,96% a luglio), quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo sono invece saliti al 9,64% (9,52% a luglio).

I depositi del settore privato sono cresciuti del 6,6% (+5,9% a luglio).

La raccolta obbligazionaria è scesa del 6,4% (-6,3% nel mese precedente). Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Per quanto riguarda le sofferenze delle banche il tasso di crescita sui dodici mesi è risultato pari al 22,3% come nel mese precedente (il dato di luglio è stato rivisto dall'iniziale 22,2%). Si tratta di un nuovo livello massimo dall'inizio delle rilevazioni nel 1998.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption