La Bundesbank apre la porta agli acquisti di bond

la-bundesbank-apre-la-porta-agli-acquisti-di-bond
La Bundesbank è la Banca Centrale della Germania.

Jens Weidmann, il presidente della Bundesbank, ha ammorbidito a sorpresa la sua posizione.

La Bundesbank ha ammorbidito a sorpresa la sua posizione riguardo l'acquisto di titoli di stato da parte della BCE.

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

In un'intervista all'agenzia "Market News" Jens Weidmann, il presidente della Banca Centrale della Germania, ha spiegato che nonostante ci siano ancora molte questioni giuridiche da chiarire, un programma di acquisti di bond non rappresenterebbe, in linea di massima, un problema. Bisognerebbe però essere sicuri che venga rispettato il divieto di finanziamento pubblico attraverso la stampa di moneta.

A detta di Weidmann un'opzione potrebbe essere l'acquisto di bond privati di massima qualità per allentare ulteriormente la politica monetaria e per evitare la spirale di prezzi in calo e di bassa domanda.

In questo modo la posizione di Weidmann ha preso una svolta significativa. Finora il rappresentante tedesco nel consiglio direttivo dell'Eurotower si era opposto con decisione agli acquisti di bond.

Tassi d'interesse negativi contro l'euro forte

Weidmann ha inoltre parlato di altri possibili strumenti. Secondo il banchiere centrale la BCE avrebbe ancora margini di manovra per misure convenzionali di politica monetaria, anche se questi sarebbero limitati.

Weidmann crede che tassi d'interesse negativi possano essere il giusto strumento per limitare l'impatto dell'apprezzamento dell'euro. "Per contrastare le conseguenze di un forte apprezzamento dell'euro sulle aspettative di inflazione, tassi di interesse negativi sarebbero una misura piu' adeguata di altre".

Weidemann ha tuttavia precisato di star parlando di uno scenario e di non stare pensando a nessuna azione imminente da parte della BCE.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS