La Francia ammette che non raggiungerà gli obiettivi di deficit

la-francia-ammette-che-non-raggiungera-gli-obiettivi-di-deficit
La Francia si trova in una profonda crisi. © Shutterstock

Il deficit della Francia scenderà solo nel 2017 sotto il 3%. Tagliate le previsioni di crescita per il 2014 e il 2015.

Il governo francese ha ammesso che non potrà raggiungere i suoi obiettivi di riduzione del deficit. A pochi giorni dalla presentazione del progetto di budget per il 2015 il ministro delle Finanze, Michel Sapin, ha deciso di mettere le carte sul tavolo.

La Francia avrà bisogno di più tempo, fino al 2017, per far scendere il deficit al 3% del PIL, infrangendo la promessa ai partner UE di raggiungere tale obiettivo entro il 2015. Sapin si attende che il disavanzo fiscale salirà quest’anno al 4,4% del PIL dal 4,2% registrato lo scorso anno. Nel 2015, esso resterà sostanzialmente stabile al 4,3% e solo tra tre anni, nel 2017, dovrebbe scendere al 3%.

Già a metà agosto Sapin aveva dichiarato che Parigi non sarebber riuscita a ridurre nel 2014 il deficit al 3,8% come previsto in precedenza.

Sapin ha tagliato inoltre oggi le sue previsioni di crescita economica per il 2014 dall'1% allo 0,4% e per il 2015 dall'1,7% all'1%.

Sapin ha precisato che la Francia non chiede un cambiamento delle regole europee sui limiti di bilancio, ma vuole che Bruxelles tenga conto delle deboli condizioni dell'economia e della bassa inflazione.

Il ministro ha infine confermato il piano di risparmi da €50 miliardi entro il 2017, di cui €21 miliardi da realizzare già nel 2015.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS