Borse europee contrastate a metà seduta, Zurigo pesante

Borse europee contrastate a metà seduta, Zurigo pesante
Le borse europee sono contrastate a metà seduta. © Shutterstock

Acquisti sui petroliferi. Ancora forti vendite sugli esportatori svizzeri. Sale Carrefour. Bene il settore dell'auto.

CONDIVIDI

Le principali borse europee sono a metà seduta contrastate. La positiva performance del settore energetico controbilancia il nuovo forte calo della Borsa di Zurigo.

BP (GB0007980591) guadagna il 4,1%. Un giudice statunitense ha deliberato il governo degli USA ha sovrastimato la quantità di petrolio affluita nel Golfo del Messico dopo la catastrofe della Deepwater Horizon. BP potrebbe quindi pagare una multa inferiore al previsto per i danni causati dalla marea nera. Tra gli altri petroliferi Total (FR0000120271) guadagna il 2,9% e BG Group (GB0008762899) l'1,6%. Il prezzo del petrolio registra una ripresa. L'Agenzia Internazionale per l'Energia (abbr. AIE) ha tagliato le sue stime sulla produzione dei Paesi che non fanno parte dell'OPEC.

L'indice SMI a Zurigo perde circa il 4%. I titoli degli esportatori restano sotto pressione dopo che ieri la Banca Nazionale Svizzera ha deciso a sorpresa di abbandonare il cambio minimo con l'euro. Richemont (CH0012731458) perde il 6,6% e Swatch (CH0012255151) il 6,1%.

Nel settore dell'auto BMW (DE0005190003) sale dello 0,5% e Renault (FR0000131906) dello 0,9%. Le immatricolazioni sono cresciute nel 2014 in Europa per la prima volta da sei anni.

Bayer (DE0005752000) scende dello 0,2%. Barclays ha tagliato il suo rating sul titolo del gruppo tedesco da "Equal-weight" ad "Underweight". Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Carrefour (FR0000120172) sale dell'1,5%. La crescita dei ricavi del gigante del commercio al dettaglio ha accelerato nel quarto trimestre.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro