eToro

La maggior parte delle borse europee sale, focus resta su Grecia

La maggior parte delle borse europee sale, focus resta su Grecia
La maggior parte delle borse europee ha chiuso positiva. © Shutterstock

Londra ha guadagnato lo 0,6%, Parigi lo 0,1%, Madrid lo 0,1% e Zurigo lo 0,4%. Bene il settore del consumo. Scendono Orange e Kering.

Quasi tutte le le principali borse europee hanno chiuso oggi in rialzo. Il FTSE 100 a Londra ha guadagnato lo 0,6%, il CAC40 a Parigi lo 0,1%, l'IBEX 35 a Madrid lo 0,1% e lo SMI a Zurigo lo 0,4%. Il DAX a Francoforte ha perso lo 0,3%.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

L'EuroStoxx 50, l'indice delle 50 principali blue chips della zona euro, è salito dello 0,2%.

La seduta è stata piuttosto volatile. A pesare è stata la persistente incertezza relativa alla situazione della Grecia. Anche la nuova riunione dell'Eurogruppo si è conclusa con un nulla di fatto. Il governo greco ha bocciato ieri le proposte presentate dall’Ue. Atene ha ora tempo fino a giovedì per decidere se chiedere l’estensione del programma di salvataggio. L'indice ASE ha perso oggi un ulteriore 2,5%.

Impulsi positivi per le borse europee sono arrivate dalla Germania. L'indice ZEW relativo alla fiducia degli investitori istituzionali tedeschi è salito a febbraio ai massimi da un anno.

I titoli dei produttori di beni di consumo hanno guidato la lista dei rialzi. Danone (FR0000120644) ha guadagnato l'1,1%, Nestlé (CH0012056047) lo 0,9% e Unilever (NL0000009348) l'1,9%.

E.ON (DE0007614406) ha guadagnato l'1%. Macquarie ha alzato il suo rating sul titolo del colosso delle utilities da "Neutral" ad "Outperform".

Orange (FR0000133308) ha perso l'1,7%. L'operatore telefonico francese ha avvertito di attendersi per quest'anno un calo del suo utile.

Telefónica (ES0178430E18) ha perso lo 0,1%. Il gruppo telefonico spagnolo ha annunciato una svalutazione di €2,8 miliardi sulle sue attività in Venezuela.

Kering (FR0000121485) ha perso l'1,4%. L'impresa madre di Gucci ha avvertito che la debolezza dell'euro e la forza del dollaro potrebbero pesare nel primo semestre sui suoi margini.

CaixaBank (ES0140609019) ha perso il 3%. La terza maggiore banca spagnola ha lanciato un'Opa da circa €1,1 miliardi sulla quota di maggioranza di Banco BPI (PTBPI0AM0004).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X