Borsainside.com

Quotazione alluminio ai minimi da tre mesi su timori rialzo tassi

Quotazione alluminio ai minimi da tre mesi su timori rialzo tassi
Nella foto, bobine di alluminio. © iStockPhoto

Il prezzo dell’alluminio è sceso fino a $1.565 per tonnellata. Vendite anche sugli altri metalli.

La quotazione dell’alluminio è scesa oggi a Londra ai minimi da tre mesi. La speculazione su un possibile rialzo dei tassi d'interesse negli Stati Uniti sta spingendo gli investitori a ridurre la loro esposizione al rischio. Il rame ha toccato i minimi da più di due mesi, mentre il nichel ha registrato il più forte calo da un mese.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Alcune banche d’affari, tra cui Citigroup, ritengono tuttavia che le odierne vendite sui metalli siano eccessive perché è improbabile che la Fed deciderà di alzare il costo del denaro nella riunione di questo mese. Gli ultimi dati macroeconomici hanno infatti segnalato un rallentamento della crescita ed è da supporre che l’istituto guidato da Janet Yellen prenderà tempo.

Un rialzo dei tassi incrementa i costi per l’industria mineraria ed ha spesso un effetto negativo sull’attività e sui prezzi.

Il prezzo dell’alluminio è sceso al London Metal Exchange (LME) di circa lo 0,8% a $1.565 per tonnellata. Si tratta del più basso livello dallo scorso 13 giugno. L’alluminio si era deprezzato già venerdì dello 0,8%. Sul metallo hanno pesato di recente i timori legati alla ripresa della produzione da parte delle fonderie cinesi.

La quotazione del rame è scesa fino a $4.582 per tonnellata, ovvero ai minimi dallo scorso 20 giugno. A penalizzare il metallo rosso è anche la speculazione su un possibile calo della domanda da parte della Cina. Il capo economista della banca centrale cinese si è espresso a favore di misure volte a ridurre i flussi di capitale nel mercato immobiliare.

Il prezzo del nichel è sceso di circa il 3% a $10.065. Si tratta del più forte calo da un mese. Il prezzo dello zinco perde l’1,5% a $2.258, quello del piombo l’1,7% a $1.870 e quello dello stagno lo 0,8% a $19.150.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS