Borsainside.com

Metalli: Il rame chiude in leggero ribasso, continua il rally dello stagno

Metalli: Il rame chiude in leggero ribasso, continua il rally dello stagno
Lo stagno allo stato grezzo. © iStockPhoto

Il future a tre mesi sul rame ha perso al LME lo 0,2% a $4.671 per tonnellata.

Il prezzo del rame ha chiuso oggi a Londra in leggero ribasso. Il future a tre mesi ha perso al LME (London Metal Exchange) lo 0,2% a $4.671 per tonnellata.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La crescita dell’economia della Cina, il maggiore consumatore mondiale di rame, si è stabilizzata nel terzo trimestre al 6,7%. Il dato ha corrisposto alle stime degli economisti. Tuttavia la produzione industriale cinese ha a sorpresa rallentato a settembre a +6,1%, dal +6,3% di agosto. Gli esperti avevano atteso un’accelerazione a +6,4%.

Il Ministero dell’Industria e dell’Informatica della Cina ha pubblicato inoltre oggi il nuovo piano quinquennale di sviluppo. Dal documento è emerso che Pechino prevede che la sua domanda di metalli non-ferrosi si più che dimezzerà fino al 2020. Il solo consumo di rame è atteso crescere ad un tasso medio annuo del 3,3%, contro il +8,9% nel periodo 2011-2015.

Intanto le scorte di rame nei magazzini del LME, che la scorsa settimana erano scese ai minimi da più di un mese, sono aumentate ieri di 2.625 tonnellate. Si è trattato del terzo aumento nelle ultime quattro sedute. La notizia ha segnalato che la domanda globale per il metallo potrebbe iniziare a rallentare.

Un po’ di sostegno per il prezzo del rame è arrivato da BHP Billiton (GB0000566504). Il maggiore gruppo minerario a livello mondiale ha comunicato che rivedrà le stime sulla sua produzione del metallo dopo che un’interruzione di corrente ha fermato questo mese l’attività nel sito australiano di Olympic Dam.

Tra gli altri metalli di base è da segnalare la nuova seduta positiva dello stagno che si è apprezzato di un ulteriore 1,5% e chiuso a $19.925 per tonnellata. Il metallo, utilizzato soprattutto nell’elettronica, ha beneficiato anche oggi delle notizie relative ad un forte declino della produzione nei principali siti in Birmania, il maggiore fornitore della Cina.

Il piombo ha guadagnato oggi l’1,2% a $1.997 e lo zinco l’1% a $2.308. L’alluminio ha perso lo 0,6% a $1.631,50 e il nichel l‘1% a $10.310.

Per quanto riguarda i principali titoli minerari quotati al London Stock Exchange (LSE), Anglo American (GB00B1XZS820) ha guadagnato il 2,4%, BHP Billiton lo 0,5%, Glencore (JE00B4T3BW64) lo 0,6% e Rio Tinto (GB0007188757) lo 0,3%. Antofagasta (GB0000456144) ha perso lo 0,3%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS