Prezzo rame: La serie positiva sale a sette sedute, massimi da tre mesi

Prezzo rame: La serie positiva sale a sette sedute, massimi da tre mesi
Il prezzo del rame è salito anche oggi. © Shutterstock

Il future a tre mesi ha guadagnato al LME l’1,4% a $4.919 per tonnellata.

CONDIVIDI

Il prezzo del rame chiuso oggi a Londra per la settima seduta di fila in rialzo. Il future a tre mesi ha guadagnato al LME (London Metal Exchange) l’1,4% a $4.919 per tonnellata. Si tratta del più alto livello da tre mesi. Gli indici relativi all’attività manifatturiera cinese sono saliti ad ottobre ai massimi livelli da più di due anni. La notizia ha incrementato l’aspettativa di un miglioramento dei fondamentali per il rame. La Cina è infatti il maggiore consumatore mondiale del metallo rosso.

A spingere gli acquisti al LME è stato inoltre il forte indebolimento del dollaro. Il Dollar Index è precipitato ai minimi da circa da due settimane dopo che un sondaggio ha segnalato una possibile vittoria di Donald Trump alle prossime elezioni presidenziali. Se il dollaro si indebolisce le materie prime denominate nella valuta statunitense, come i metalli di base, diventano più appetibili per chi possiede altre divise.

Il prezzo dello zinco ha aggiornato i massimi dall’agosto del 2011. Il metallo ha chiuso in rialzo dello 0,3% a $2.465 per tonnellata. Ieri lo zinco era balzato del 2,5% dopo che Glencore (JE00B4T3BW64) aveva annunciato la chiusura della sua miniera di Black Star in Australia.

L’alluminio si è apprezzato dello 0,5% a $1.725 per tonnellata. Nel corso della seduta il metallo è salito fino a $1.740,25, ovvero ai massimi dal luglio del 2015.

È continuato anche il rally dello stagno. Il future a tre mesi ha chiuso in rialzo dello 0,7% a $20.850 per tonnellata. Si tratta del più alto livello dal settembre del 2014. Lo stagno beneficia dei timori legati ad una carenza di offerta sul mercato dopo che le scorte nei magazzini del LME sono scivolate ai minimi da 12 anni.

Tra gli altri metalli di base, il nichel ha perso lo 0,7% a $10.410, il piombo è rimasto sostanzialmente invariato a $2.070. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

I maggiori titoli minerari hanno chiuso oggi contrastati al London Stock Exchange (LSE). Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso lo 0,7%, BHP Billiton (GB0000566504) lo 0,9% e Glencore (JE00B4T3BW64) l’1,4%. Antofagasta (GB0000456144) ha guadagnato l’1,8% e Rio Tinto (GB0007188757) lo 0,2%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption