Borsainside.com

Il prezzo del rame torna a salire, in settimana +1,1%

Il prezzo del rame torna a salire, in settimana +1,1%
© Shutterstock

Il rame beneficiato dei positivi dati sull'inflazione in Cina. Calano ancora le scorte al LME e al SHFE. Forte rialzo per il nichel.

Il prezzo del rame ha chiuso oggi al LME (London Metal Exchange) in rialzo. Il future a tre mesi ha guadagnato lo 0,7% a $5.825 per tonnellata. Dalla Cina, il maggiore consumatore mondiale di rame, sono arrivati oggi nuovi segnali di stabilizzazione dell’economia. I prezzi al consumo sono aumentati a novembre del 2,3%, dal +2,1% di ottobre. Si è trattato del più forte aumento da aprile. I prezzi alla produzione sono aumentati a novembre del 3,3%, a fronte del +1,2% del mese precedente. Si è trattato del più forte aumento da più di cinque anni.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Anche i dati sulle scorte hanno contribuito a sostenere il prezzo del rame. Le scorte nei magazzini del LME sono scese ai minimi da metà agosto, mentre quelle del SHFE (Shanghai Futures Exchange) sono calate del 2,5% rispetto a venerdì scorso. Durante l’intera settimana il rame si è apprezzato dell’1,1%.

Il nichel si è apprezzato oggi al LME il 2,7% a $11.470 per tonnellata (+0,1% in settimana). Il metallo ha beneficiato dell’aspettativa che il governo filippino sospenderà l’attività in altre miniere a causa dei rischi per l’ambiente. Le Filippine sono il maggiore produttore mondiale di nichel ed hanno già chiuso alcuni siti per motivi ambientali.

Tra gli altri principali metalli l’alluminio ha guadagnato oggi al LME l’1,5% a $1.755 (+2,4% in settimana), il piombo l’1,6% a $2.320 (+2,2% in settimana) e lo zinco lo 0,8% a $2.711 (+1,6% in settimana). Lo stagno ha chiuso invariato a $20.925 (-0,6% in settimana)

Quasi tutti i principali titoli minerari hanno chiuso oggi al London Stock Exchange (LSE) in ribasso. Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso il 2,5%, BHP Billiton (GB0000566504) l’1,3%, Glencore (JE00B4T3BW64) lo 0,9% e Rio Tinto (GB0007188757) il 2,1%. Antofagasta (GB0000456144) ha guadagnato lo 0,6%.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS