Borsainside.com

Prezzo rame, Goldman cambia idea ed è ora “bullish”

Prezzo rame, Goldman cambia idea ed è ora “bullish”
© Shutterstock

Goldman prevede ora che il prezzo del rame salirà nei prossimi sei mesi a $6.200 per tonnellata.

Goldman Sachs ha cambiato completamente idea sulle prospettive del prezzo del rame. La banca d’affari indica in una nota pubblicata ieri che il miglioramento nella crescita della domanda è stata di gran lunga più forte delle attese e assorbirà probabilmente l’elevata offerta che secondo le sue precedenti previsioni avrebbe dovuto pesare sul metallo nel secondo semestre del 2016 e nei primi mesi del 2017.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

All’inizio di agosto Goldman Sachs aveva avvertito che una tempesta stava per abbattersi sul mercato del rame con il rischio di un calo dei prezzi a $4.000 per tonnellata nell’arco di 12 mesi. Allora gli analisti prevedevano che l’accelerazione dell’offerta da parte delle miniere, il calo dei costi per i produttori ed il rallentamento della domanda avrebbero avuto un impatto negativo sul metallo rosso.

Secondo Goldman, a seguito della recente accelerazione dell’attività industriale, le prospettive dei fattori chiave per il prezzo del rame – offerta, domanda e struttura dei costi - sarebbero tutte diventate più positive. La casa d’investimento vede ora perciò condizioni più “bullish” per il metallo almeno fino alla metà del 2017.

I prezzi alla produzione hanno registrato a novembre in Cina, il maggiore consumatore mondiale di rame, il più forte aumento da cinque anni grazie alla significativa crescita dei prezzi del carbone, dell’acciaio e di altri materiali per le costruzioni.

I recenti positivi dati relativi alla produzione industriale in Cina, Stati Uniti e Europa, suggeriscono inoltre che l’economia mondiale potrebbe lentamente reflazionare.

Goldman Sachs prevede perciò ora che sul mercato globale del rame ci sarà nel 2017 un moderato deficit di circa 180.000 tonnellate, contro il surplus di 360.000 tonnellate previsto precedentemente.

Gli esperti hanno alzato le loro stime sul prezzo del rame a 3 mesi da $5.000 a $5.800 a 6 mesi da $4.800 a $6.200 e a 12 mesi da $4.800 a $5.600. Il future a tre mesi ha chiuso venerdì scorso al LME (London Metal Exchange) a $5.825 per tonnellata.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS