Borsainside.com

Prezzo rame: Chiusura in forte ribasso, in settimana -3,3%

Prezzo rame: Chiusura in forte ribasso, in settimana -3,3%
© Shutterstock

Le scorte di rame al LME sono ancora aumentate ed hanno raggiunto i massimi livelli da sei settimane. Pesa inoltre la persistente forza del dollaro.

Il prezzo del rame ha chiuso l’ultima seduta della settimana in forte ribasso. Il future a tre mesi ha perso al LME (London Metal Exchange) l’1,7% a $5.635 per tonnellata. Le scorte di rame nei magazzini delle borsa londinese dei metalli sono cresciute di altre 11.775 tonnellate a 307.075 tonnellate. Si tratta del più alto livello da sei settimane. Dai minimi raggiunti lo scorso 8 dicembre le scorte sono aumentate del 40%.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

A pesare è stata inoltre la persistente forza del dollaro. Il Dollar Index ha superato, per la prima volta dal dicembre del 2002, quota 103 punti. L’apprezzamento del dollaro è negativo per i metalli di base, che sono denominati nel biglietto verde, perché li rende più cari per chi possiede altre valute. Durante l’intera settimana il metallo rosso ha perso il 3,3%.

Il piombo ha perso il 4,5% a $2.245 per tonnellata (-3,2% in settimana). Commerzbank ha indicato in una nota che in base ai dati della ILZSG (International Lead and Zinc Study Group), il mercato mondiale del piombo ha registrato nei primi dieci mesi del 2017 un surplus di 35.000 tonnellate. “Nonostante la produzione sia stata ridotta di circa l’1%, la domanda è scesa due volte tanto”, ha spiegato la banca tedesca.

Tra gli altri metalli di base l’alluminio ha perso oggi al LME l’1,1% a $1.717 (-2,2% in settimana), il nichel l’1,3% a $11.170 (-2,6% in settimana) e lo zinco il 3% a $2.730 (+0,7% in settimana). Lo stagno ha chiuso sostanzialmente invariato a $21.230 (+1,5% in settimana).

Quasi tutti i principali titoli minerari hanno chiuso oggi al LSE (London Stock Exchange) in ribasso. Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso l’1,9%, Antofagasta (GB0000456144) il 2%, BHP Billiton (GB0000566504) lo 0,5% e Glencore (JE00B4T3BW64) l’1,3%. Rio Tinto (GB0007188757) ha guadagnato lo 0,1%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS