Skin ADV

Brexit, 24 ore al via

brexit

Domani prende il via il percorso di uscita del Regno Unito dall'UE.

Mancano solamente 24 ore al via del lungo percorso che condurrà il Regno Unito fuori dall'Unione Europea. È infatti il 29 marzo la data prevista dal governo di Theresa May per poter avviare i negoziati che disciplineranno i rapporti commerciali tra Londra e Bruxelles una volta che l'oltre Manica... sarà molto "oltre". Ma che cosa accadrà nelle prossime ore e nei prossimi mesi?

  🔝 CONTO E CARTA GRATUITI – Conto corrente ZERO SPESE con N26 — Carta Conto con IBAN (anche prelievi e bonifici gratuiti)  + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. ✅ Scopri di più sul sito ufficiale >>

  🔝 CONTO E CARTA GRATUITI – Conto corrente ZERO SPESE con N26Carta Conto con IBAN (anche prelievi e bonifici gratuiti)  + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. ✅ Scopri di più sul sito ufficiale >>

Cominciamo sul brevissimo termine. Una volta che il governo May comunicherà a Bruxelles l'intenzione di ricorrere alla normativa del trattato UE che permette di uscire dall'area comune, prenderanno il via i 24 mesi utili per poter trovare un accordo che potrà regolare i rapporti tra le due parti. A questo punto, Bruxelles dovrà comunicare ai Paesi membri la decisione del Regno Unito, comunicare le linee guida dei negoziati, di conseguenza, convocare un vertice che ha - tra l'altro - anche il compito di individuare chi condurrà i negoziati per conto comunitario.

Fin qui, i passi "semplici" e prevedibili. Il difficile verrà nel momento in cui le due parti dovranno sedersi a un tavolo comune per poter cercare di comprendere come uscire fuori da questa situazione di stallo che - ricordiamo - è una "prima volta" per entrambe. Per il momento le posizioni sono estremamente distanti: l'Unione Europea spingerà affinchè Londra metta sul tavolo i 60 miliardi di euro che "dovrebbe" pagare per uscire, mentre Londra vorrà avviare subito i negoziati per le relazioni commerciali, unitamente alla negoziazione sullo "sconto" dei 60 miliardi sopra accennati.

L'impressione è dunque che i primi mesi di negoziati saranno molto difficili e molto duri. E che, in fondo, a rimetterci potrebbe essere la sterlina: più salirà l'incertezza intorno alla Brexit e al suo esito, e più la valuta britannica potrebbe essere costretta a ripiegare sulle proprie posizioni, ritardando il recupero di quelle perse nel post referendum.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Investous

Scopri la semplicità della piattaforma
WEBTRADER di Investous!

Inizia a fare trading con un conto demo gratuito da 100.000$

Ora puoi fare trading sui CFD e nel forex con spread competitivi una leva fino a 1:400*

DEMO GRATUITO