Borsainside.com

I market mover di oggi giovedì 30 marzo 2017

trading

Tutti i market mover di oggi dal calendario macro del 30 marzo.

Quarto appuntamento della settimana con l’analisi dei principali market mover della giornata. Oggi il calendario macroeconomico è sicuramente più ricco di ieri, a cominciare dalla pubblicazione dell’aggiornamento sull’indice di fiducia economica della Commissione Europea, che è visto stabile a marzo a 108 punti, per il massimo da sei anni a questa parte. La stabilità dovrebbe riguardare sia la componente dell’indice di fiducia per i servizi (13,8 punti) che la componente industria (1,3 punti).




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Sempre in area euro, attesa per la pubblicazione di alcuni dati nazionali. In Spagna verrà pubblicata la stima preliminare sull’inflazione, probabilmente in aumento di 0,4% m/m e su base annua al 2,8% da un precedente 3,0%, mentre in Germania i prezzi al consumo dovrebbero crescere di 0,5% m/m. Nonostante l’aumento dei prezzi nel mese, l’inflazione su base annua dovrebbe comunque tornare indietro a 2,0% da un precedente 2,2% del mese scorso.

C’è inoltre qualche spazio per alcuni dati di rilievo per gli Stati Uniti. Negli USA verranno infatti pubblicati i dati sulla terza stima del PIL del quarto trimestre, che dovrebbe essere invariata a 1,9% t/t ann. L’attenzione si sposterà poi sulle indicazioni di crescita per il primo quarto dell’anno con la stima nowcasting dell’Atlanta Fed che punta a una variazione di solo 0,9% t/t ann., con ampi contributi negativi del canale estero (-0,5 punti percentuali) e delle scorte (-0,9 punti percentuali), insieme a un significativo rallentamento della dinamica dei consumi da 3% t/t ann. del 2° semestre 2016 a 1,5% t/t ann. a inizio 2017.

I dati di gennaio e febbraio relativi alla spesa personale sono in parte moderati per il freno ai servizi esercitato dal clima mite di inizio anno (che però dovrebbe determinare un rimbalzo a marzo). La stima nowcast della NY Fed è invece a 2,8% t/t ann, ricorda un dossier ISP.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS