Petrolio, la Norvegia programma l’uscita dal settore

La Norvegia ha intenzione di abbandonare il petrolio. Certo, non oggi, ma la strada sembra comunque essere tracciata, e a sancire la scelta di uscire dal comparto è la stessa premier Erna Solberg, che ha candidamente affermato che il Paese non può vivere per sempre di rendita grazie al petrolio. Di qui, la volontà di abbandonare gradualmente il petrolio come fonte principale dei profitti del proprio fondo governativo, a beneficio di altri settori esterni all’economia petrolifera, come quello eco-energetico.

In attesa di comprendere in che modo si realizzare l’exit dal petrolio, al momento le trivellazioni marine contano per circa il 15 per cento del prodotto interno lordo norvegese e, dati alla mano, la sostituzione di un simile contributo non sarà affatto semplice e tempestivo. È tuttavia vero che già ora lo stesso fondo sovrano sta disinvestendo dal petrolio, in linea con il proprio ambizioso obiettivo di giungere – entro il 2025 o il 2030 – a un’economia an eutralità di emissioni, ovvero con emissioni compensate da scelte ecologiche.

Sanciti tali obiettivi, rimarrà da comprendere in che modo la Norvegia potrà porre in essere i giusti tasselli per poter arrivare ai propri ambiziosi obiettivi. Tra il lungo addio al petrolio e i tagli alle tasse per 2,5 miliardi di euro senza però toccare la politica del welfare, la nuova strategia norvegese sembra puntare dritto verso la reindustrializzazione, anche a discapito di un rallentamento della crescita economica, che già è stata rivista al ribasso dall’1,7 per cento all’1,6 per cento, la metà di quanto sta facendo la Svezia, la cui economia è tuttavia molto differente – puntando principalmente sull’export industriale.

Tra le altre determinanti che potrebbero condizionare l’economia norvegese, anche l’andamento di forza della propria valuta nazionale, che con la riconversione potrebbe trarre giovamento, in termini di apprezzamento (esattamente il contrario di quanto avvenuto negli ultimi anni, di evidente debolezza della corona).

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borse Europee

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.