Borsainside.com

Borse europee: Chiusura negativa, affonda Atene

borse-europee-chiusura-negativa-affonda-atene
Le borse europee hanno chiuso anche oggi in netto ribasso. © Shutterstock

Nessun nuovo aiuto per Atene, secondo "Der Spiegel", l'FMI avrebbe perso la pazienza.

Tutti i principali indici azionari europei hanno chiuso anche oggi in netto ribasso. Il FTSE MIB a Londra ha perso il 2,1%, il DAX a Francoforte il 3,2%, il CAC40 a Parigi il 2,9%, il FTSE MIB a Milano il 2,8%, lo SMI a Zurigo l'1,7% e l'IBEX 35 a Madrid l'1,1%.
Le borse del Vecchio Continente hanno potuto chiudere sopra i minimi dopo che sia l'Italia che la Spagna hanno reintrodotto con effetto immediato il divieto delle vendite allo scoperto sui titoli del settore bancario e assicurativo.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Gli investitori temono che la crisi del debito possa inasprirsi drammaticamente. Secondo quanto scrive "Der Spiegel" l'FMI avrebbe perso la pazienza e non sarebbe più disposto a mettere a disposizione ulteriori aiuti ad Atene.

L'istituzione con sede ha Washington ha comunicato nel pomeriggio di "star aiutando la Grecia a superare le sue difficoltà economiche" e che domani i suoi esperti incontreranno le autorità greche per discutere su come il programma di riforme possa essere rimesso in carreggiata. La breve nota non ha dato l'impressione di essere una chiara smentita dell'articolo dello "Spiegel". L'indice ASE ha chiuso ad Atene in ribasso del 7,1%.

Bancari e Assicurativi

Nonostante il nuovo divieto delle vendite allo scoperto in Italia ed in Spagna, i bancari e gli assicurativi sono rimasti in cima alla lista dei ribassi. Tra i bancari Barclays (GB0031348658) ha perso il 4,2%, Commerzbank (DE0008032004) il 6,1%, BNP Paribas (FR0000131104) il 5,5% e Intesa Sanpaolo (IT0000072618) l'1,8%. Tra gli assicurativi Allianz (DE0008404005) ha perso il 5%, Aviva (GB0002162385) il 6,6%, AXA (FR0000120628) il 5,4% e Swiss Re (CH0012332372) il 3,2%.

Il calo dei prezzi dei metalli ha penalizzato i minerari. Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso il 4%, BHP Billiton (GB0000566504) il 2,8% e Rio Tinto (GB0007188757) il 2,4%. Un consulente della Banca Centrale della Cina ha avvertito durante il fine settimana che l'ecconomia potrebbe rallentare ulteriormente durante il corrente trimestre. La notizia ha ridotto l'ottimismo degli investitori sulla domanda di materie prime.

Philips (NL0000009538) è stata una delle poche note positive della seduta. Il conglomerato olandese ha pubblicato una trimestrale migliore delle previsioni degli analisti. Il titolo ha chiuso in rialzo del 5%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS