Borse europee: L’orso torna e fa un massacro

Un laptop mostra un grafico

I principali listini azionari europei sono oggi crollati. Il FTSE 100 a Londra ha perso il 2,3%, il DAX a Francoforte l’1,8%, il CAC40 a Parigi il 3%, il FTSE MIB a Milano l’1,9% e lo SMI a Zurigo il 2,4%. I dubbi del mercato relativi alle prospettive dell’economia sono oggi decisamente aumentati. Quasi tutti i dati macroeconomici arrivati nel pomeriggio d’oltroceano hanno infatti chiaramente deluso le attese. Già questa mattina si era appreso che l’attività manifatturiera ha rallentato a giugno in Cina più di quanto previsto dagli economisti. Sulle borse del Vecchio Continente hanno pesato inoltre i timori legati alla crisi del debito sovrano. Moody’s ha avvertito ieri che potrebbe tagliare il rating sovrano della Spagna di uno oppure, al massimo, di due gradini. Questa notizia è stata oggi solo in parte compensata dal positivo andamento di una nuova asta di bonds di Madrid.
Tra i bancari Barclays (GB0031348658) ha perso il 5,6%, Royal Bank of Scotland (GB0006764012) il 4,7%, Deutsche Bank (DE0005140008) il 3,6%, Crédit Agricole (FR0000045072) il 3,9%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) il 2,2% e UBS (CH0024899483) il 3%.
Nel settore delle costruzioni Holcim (CH0012214059) ha perso il 3,8%, Lafarge (FR0000120537) il 3,2% e Saint Gobain (FR0000125007) il 2,5%.
Nel settore del lusso LVMH (FR0000121014) ha chiuso in ribasso del 5,1%, PPR (FR0000121485) del 4,3%, Richemont (CH0012731458) del 6,1% e Swatch (CH0012255151) del 4%.
Nel settore minerario Anglo American (GB00B1XZS820) ha chiuso in calo del 3,4%, BHP Billiton (GB0000566504) del 3,4%, Eurasian Natural Resources (GB00B29BCK10) del 5%, Lonmin (GB0031192486) del 4% e Xstrata (GB0031411001) del 4,6%. I prezzi dei metalli di base hanno registrato oggi a Londra delle forti perdite.
Tra i petroliferi Eni (IT0003132476) ha perso il 3,2%, Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) il 4,7% e Total (FR0000120271) il 2,9%. Il prezzo del petrolio è crollato nel pomeriggio a New York al di sotto di quota $73 al barile.
BP (GB0007980591) ha chiuso in rialzo del 2,7%. Anche oggi si è speculato nella city su un possibile takeover dell’impresa petrolifera che ha perso circa il 50% della sua capitalizzazione di borsa dall’inizio del disastro della Deepwater Horizon. Sul mercato è circolata inoltre la voce che BP abbia già chiuso la falla che ha causato la marea nera. BP ha però smentito i rumors.
Snam Rete Gas
(IT0003153415) ha guadagnato il 2,1%. Morgan Stanley ha alzato il suo rating sul titolo del gruppo italianao da “Equal-weight” ad “Overweight”.
Debenhams (GB00B126KH97) ha chiuso in rialzo del 4%. L’operatore di grandi magazzini ha potuto migliorare i suoi margini nel suo terzo trimestre fiscale.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borse Europee

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.