Borse europee negative, ancora vendite sui minerari e sui petroliferi

Londra ha perso lo 0,5%, Francoforte lo 0,7%, Parigi lo 0,9%, Milano l'1,1% e Madrid lo 0,4%.

CONDIVIDI
Quasi tutti i principali indici azionari europei hanno chiuso oggi in ribasso. Il FTSE 100 a Londra ha perso lo 0,5%, il DAX a Francoforte lo 0,7%, il CAC40 a Parigi lo 0,9%, il FTSE MIB a Milano l'1,1% e l'IBEX 35 a Madrid lo 0,4%. Lo SMI a Zurigo ha chiuso invariato. I prezzi delle materie prime hanno esteso oggi le loro perdite. Gli investitori temono che la Cina alzerà di nuovo i suoi tassi d'interesse per frenare l'inflazione. I dati macroeconomici pubblicati oggi negli USA hanno inoltre segnalato che la ripresa della prima economia mondiale sta rallentando.
Tra i minerari Anglo American (GB00B1XZS820) ha perso l'1,8%, BHP Billiton (GB0000566504) l'1,8%, Rio Tinto (GB0007188757) l'1,7% e Xstrata (GB0031411001) il 2,2%. Il prezzo del rame è affondato oggi a Londra ai minimi da cinque mesi. Tra i petroliferi BP (GB0007980591) ha perso l'1,1%, Eni (IT0003132476) l'1,3%, Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) l'1,2% e Total (FR0000120271) l'1,4%. Il prezzo del petrolio è sceso oggi fino a circa $95.
Allianz (DE0008404005) ha perso l'1,4%. L'utile netto della prima impresa europea del settore delle assicurazioni è calato nel primo trimestre del 45%.
Scottish & Southern
(GB0007908733) ha guadagnato l'1,3%. Secondo delle voci di stampa Iberdrola (ES0144580Y14) starebbe considerando di fare un'offerta per la rivale britannica.
Lafarge (FR0000120537) ha chiuso in rialzo del 2,1%. Il primo produttore al mondo di cemento ha ceduto una parte dei suoi assets negli USA per $760 milioni.
AstraZeneca (GB0009895292) ha guadagnato l'1,4%. UBS ha alzato il suo rating sul titolo della compagnia farmaceutica da "Neutral" a "Buy".

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro