eToro

Draghi: Crescita lenta, significativi rischi al ribasso

La BCE ha tagliato sensibilmente le sue stime sul PIL della zona euro nel 2012.

Mario Draghi ha avvertito che la crescita nel terzo trimestre è stata lenta e che i rischi al ribasso sono significativi. La Banca Centrale Europea si attende che il PIL della zona euro registrerà nel 2011 una variazione tra +1,5% e +1,7% e nel 2012 tra -0,4% e +1%. In precedenza l'istituto di Francoforte aveva previsto per quest'anno una crescita tra l'1,4% e l'1,8% e per il prossimo tra lo 0,4% e il 2,2%. Per quanto riguarda l'inflazione Draghi prevede che rimarrà al sopra del 2% nei prossimi mesi per poi scendere nel corso del 2012. Draghi ha annunciato delle nuove misure straordinarie per sostenere il settore finanziario. La BCE lancerà due operazioni di rifinanziamento della durata di 36 mesi, allo scopo di garantire l'accesso alle liquidità alle banche. La BCE ampierà inoltre la lista dei titoli che le banche possono fornire come collaterale. Deciso infine anche il taglio dal 2% all'1% del coefficiente di riserva bancaria. In precedenza la BCE aveva già annunciato un taglio dei suoi tassi d'interesse di 25 punti base, dall'1,25% all'1,00% ovvero ad un minimo storico.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X