Eni firma accordo con Gazprom, Wintershall e EdF su South Stream

Il gruppo italiano parteciperà al progetto con il 20%.

CONDIVIDI
Eni (IT0003132476) ha comunicato oggi che il suo Amministratore Delegato Paolo Scaroni ha firmato oggi a Sochi, alla presenza del Primo Ministro russo Vladimir Putin, insieme al Presidente di Gazprom (RU0007661625), Alexey Miller, al consigliere di amministrazione di BASF (DE0005151005), Harald Schwager e al Presidente e Amministratore Delegato di EdF (FR0010242511), Henri Proglio, un accordo che sancisce l'ingresso di Wintershall ed EdF nel progetto South Stream con una quota del 15% ciascuna. Gazprom ed Eni partecipano al progetto rispettivamente con il 50% e il 20%.
Eni e Gazprom hanno inoltre siglato un'intesa con la quale riconfermano gli accordi sottoscritti il 16 febbraio del 2011 che ponevano le basi per la futura cessione a Gazprom da parte di Eni del 50% della quota detenuta da quest'ultima (33,3%) nel consorzio preposto allo sviluppo del giacimento petrolifero libico di Elephant, situato nella zona desertica sud occidentale a circa 800 chilometri da Tripoli.
Gazprom e Severenergia, controllata al 51% da Yamal Development, al 30% da Eni e al 19% da ENEL (IT0003128367), hanno infine firmato un contratto con il quale Gazprom si impegna ad acquistare il gas prodotto da Severenergia.
Eni indica che gli accordi firmati oggi si inquadrano nella partnership strategica firmata con Gazprom nel 2006, che implica l'impegno delle due società nella realizzazione congiunta di progetti nell'intera filiera del gas.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption