Fiat alza i target per il 2011 ma il titolo scende

Il Lingotto si attende per la fine di quest'anno un indebitamento netto chiaramente superiore alle previsioni degli analisti.

CONDIVIDI
Fiat (IT0001976403) ha annunciato oggi di aver chiuso il secondo trimestre del 2011 con ricavi di Gruppo pari a €13,2 miliardi ed un utile della gestione ordinaria pari a €525 milioni. Esclusa Chrysler, il Lingotto ha aumentato i ricavi del 6,5% a €10 miliardi e l'utile della gestione ordinaria del 22,1% a €375 milioni. Fiat indica che tutti i business hanno registrato aumenti rispetto allo scorso esercizio, con una crescita a doppia cifra per i marchi di Lusso e Sportivi e per i Componenti e Sistemi di Produzione. L'utile netto consolidato del secondo trimestre è stato pari a €1,23 miliardi (perdita netta di €17 milioni nel secondo trimestre del 2010). Escludendo le poste atipiche e relativi impatti fiscali, l'utile netto è stato pari a €156 milioni (€76 milioni escludendo Chrysler, in aumento di €68 milioni rispetto al 2010). L'indebitamento netto industriale complessivo è stato pari a €3,4 miliardi, di cui €979 milioni (€489 milioni a fine Marzo 2011) riferiti a Fiat esclusa Chrysler. A seguito del consolidamento di Chrysler e del miglioramento dei risultati delle altre attività Fiat ha rivisto al rialzo i target per l'anno in corso (incluso il gruppo di Detroit per 7 mesi). Fiat prevede ora ricavi consolidati di oltre €58 miliardi, risultato della gestione ordinaria di circa €2,1 miliardi, utile netto di circa €1,7 miliardi e indebitamento netto industriale di €5,0 - €5,5 miliardi. Il titolo perde al momento il 3,5%. A deludere gli investitori è stato probabilmente il target sull'indebitamento che risulta essere superiore alle previsioni degli analisti (€4,8 miliardi).
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro