Fiat, risultati in crescita nel 2011 grazie a Chrysler

Il gruppo torinese ha fornito un solido outlook sul 2012.

CONDIVIDI
Fiat (IT0001976403) ha annunciato oggi di aver aumentato lo scorso anno i ricavi a €59,6 miliardi e l'utile netto a €1,7 miliardi. Il gruppo torinese ha beneficiato del consolidamento di Chrysler. L'utile della gestione ordinaria è stato di €2,4 miliardi, con un margine sui ricavi al 4,0%. Escludendo Chrysler, l'utile della gestione ordinaria si è attestato a €1 miliardo. L'indebitamento netto industriale a fine esercizio era di €5,5 miliardi, in crescita rispetto ai €0,5 miliardi di fine 2010, principalmente per effetto del consolidamento del debito netto di Chrysler (€3,9 miliardi), dell'acquisto delle quote della compagnia di Detroit detenute dal Dipartimento del Tesoro statunitense e dal Canada (€0,5 miliardi), e degli investimenti (€5,5 miliardi), al netto delle disponibilità generate nell'esercizio dalle attività operative (€5,2 miliardi).
Fiat prevede per il 2012 ricavi superiori a €77 miliardi, un utile della gestione ordinaria tra i €3,8 e €4,5 miliardi, un utile netto tra €1,2 e €1,5 miliardi e un indebitamento netto industriale tra €5,5 e €6 miliardi. Fiat ha deciso che distribuira' un dividendo alle azioni di risparmio e alle privilegiate, ma non alle ordinarie per mantenere un'alta liquidita'. Il consiglio di amministrazione intende proporre all'assemblea degli azionisti un dividendo complessivo di €39,7 milioni per le categorie speciali. La proposta e' di €0,217 per azione privilegiata per un totale di €22,4 milioni e un'uguale somma per azione di risparmio, per complessivi €17,3 milioni.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro