Borsainside.com
etoro

Il Governo italiano taglia le stime sul PIL

L'economia dovrebbe registrare quest'anno un calo dell'1,2%.

Il Governo italiano ha tagliato le sue stime sul PIL. Lo si apprende dalla bozza del Documento di economia e finanza (Def), che domani sarà all'esame del Consiglio dei ministri. Il Governo prevede ora che l'economia registrerà nel 2012 un calo dell'1,2% contro il -0,4% atteso in precedenza. Nel 2013 il PIL italiano dovrebbe tornare a crescere (+0,5%). Per quanto riguarda i conti pubblici il rapporto deficit/PIL dovrebbe scendere quest'anno all'1,7%, per poi arrivare allo 0,5% nel 2013. Il debito pubblico è visto quest'anno salire al 123,4% del PIL rispetto al 120,1% del 2011. In seguito dovrebbe scendere nel 2013 al 121,6%, nel 2014 al 118,3% e nel 2015 al 114,4%. Il Governo prevede infine che il tasso di disoccupazione si attesterà quest'anno al 9,3%, nel 2013 al 9,2%, nel 2014 all'8,9% e nel 2015 all'8,6%.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS