Le borse europee chiudono in deciso ribasso

Londra ha perso l'1,6%, Francoforte l'1,6%, Parigi il 2%, Zurigo l'1,9%, Madrid l'1,4% e Milano il 3,1%.

CONDIVIDI
Tutti i principali indici azionari europei hanno chiuso oggi in deciso ribasso. Il FTSE 100 a Londra ha perso l'1,6%, il DAX a Francoforte l'1,6%, il CAC40 a Parigi il 2%, lo SMI a Zurigo l'1,9%, l'IBEX 35 a Madrid l'1,4% e il FTSE MIB a Milano il 3,1%. Sulle borse del Vecchio Continente hanno pesato ancora una volta i timori relativi alla crisi del debito sovrano. All'interno dell'Unione Europea ci sono delle forti divergenze sulle modalità del nuovo piano di salvataggio per la Grecia. Mentre la Germania insiste per una significativa partecipazione del settore privato Jean Claude Trichet ha ribadito in un'intervista pubblicata oggi nel "Financial Times Deutschland", che la BCE non accetterà come collaterale titoli di paesi in default. I risultati degli "stress test" non hanno potuto tranquillizzare i mercati. Gli investitori dubitano della loro credibilità visto che nello scenario avverso ipotizzato non è stato incluso l'impatto di un possibile default di Atene nonostante i CDS (credit default swaps) indichino attualmente che c'è il 90% delle probabilità che ciò accada.
Sui titoli del settore finanziario si è scatenata una nuova pioggia di vendite. Tra i bancari Barclays (GB0031348658) ha perso il 7%, Commerzbank (DE0008032004) il 4,6%, BNP Paribas (FR0000131104) il 3,6%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) il 6,5%, BBVA (ES0113211835) il 2,3% e Credit Suisse (CH0012138530) il 4,7%. Tra gli assicurativi Allianz (DE0008404005) ha chiuso in ribasso dell'1,8%, Aviva (GB0002162385) del 2,9%, AXA (FR0000120628) del 5,4%, Generali (IT0000062072) del 3,8% e Swiss Re (CH0012332372) dell'1,9%.
Philips (NL0000009538) ha chiuso in ribasso dell'1%. Il conglomerato olandese ha chiuso a sorpresa il secondo trimestre in rosso. L'annuncio di un programma di buy-back da €2 miliardi e di un nuovo piano di riduzione dei costi ha potuto sostenere solo brevemente il titolo.
Kühne + Nagel
(CH0025238863)
ha perso il 4,2%. Il gruppo svizzero ha tagliato le sue stime di crescita per l'intero esercizio.
Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro