eToro

Le borse europee incrementano i ribassi

Forti vendite sui ciclici e sui titoli dei produttori di materie prime. Resiste Nestlé.

I principali indici azionari europei hanno incrementato le loro perdite rispetto alle quotazioni di apertura. Il FTSE 100 a Londra perde al momento l'1,5%, il DAX a Francoforte l'1,7% e il CAC40 a Parigi l'1,8%. Sulle borse del Vecchio Continente pesano i timori relativi alle prospettive dell'economia. La Fed ha avvertito ieri che la ripresa sarà nel breve termine probabilmente più modesta del previsto. La produzione industriale e le vendite al dettaglio hanno inoltre rallentato a luglio in Cina. Tra i ciclici Philips (NL0000009538) perde il 3,5%, Schneider Electric (FR0000121972) l'1,7%, Siemens (DE0007236101) il 2,2% e ThyssenKrupp (DE0007500001) il 3,8%.
Il calo dei prezzi delle materie prime penalizza i minerari ed i petroliferi. Nel settore minerario BHP Billiton (GB0000566504) scende del 2,4% e Rio Tinto (GB0007188757) del 3,3%. Tra i petroliferi Royal Dutch Shell (GB00B03MLX29) perde l'1,6% e Total (FR0000120271) l'1,8%.
Nel settore dei semiconduttori Infineon (DE0006231004) perde il 2,9% e STMicroelectronics (NL0000226223) il 3,1%. Robert W. Baird e Barclays hanno declassato ieri Intel (US4581401001) indicando che la domanda di componenti per computer è in declino.
Nestlé (CH0012056047) guadagna lo 0,9%. Il leader mondiale dell'industria alimentare ha pubblicato dei dati di bilancio migliori delle attese del mercato.
ING Groep (NL0000303600) perde solamente lo 0,2%. Anche il gruppo olandese ha annunciato una trimestrale migliore delle previsioni dagli analisti.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X