Telecom Italia chiude il 2011 in rosso di 4,72 miliardi, pesano svalutazioni

l'operatore telefonico verserà per il 2011 un dividendo di 0,043 per azione ordinaria.

CONDIVIDI
Telecom Italia (IT0003497168) ha comunicato oggi di aver chiuso il 2011 in rosso di €4,72 miliardi. L'operatore telefonico ha effettuato una svalutazione dell'avviamento sulle attività domestiche per complessivi €7,3 miliardi. Escludendo l'impatto della citata svalutazione e di altre partite non ricorrenti Telecom Italia avrebbe registrato un utile in termini comparabili pari a €2,6 miliardi, in linea con il 2010. Telecom Italia ha confermato di aver aumentato lo scorso anno i ricavi dell'8,7% a €29,96 miliardi e l'Ebitda del 7,3% a €12,25 miliardi. L'Ebit è stato negativo per €603 milioni (€5,82 miliardi nel nel 2010). L'Ebit organico, calcolato escludendo anche le citate svalutazioni dell'avviamento, è aumento del 5,1% €6,8 miliardi. Come già annunciato a febbraio l'indebitamento finanziario netto è sceso rispetto al 31 dicembre 2010 da €31,46 miliardi a €30,41 miliardi. Telecom Italia ha confermato di attendersi per il 2012 ricavi ed Ebitda "sostanzialmente stabili" rispetto al 2011 e un indebitamento finanziario netto a circa €27,5 miliardi. Il Consiglio di Amministrazione proporrà all'Assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo di €0,043 per azione ordinaria e di €0,054 per azione di risparmio.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption