Telecom Italia chiude il primo semestre in rosso per svalutazioni, ricavi +10%

L'operatore telefonico ha confermato i suoi obiettivi per il 2011.

CONDIVIDI
Telecom Italia (IT0003497168) ha comunicato oggi di aver chiuso il primo semestre di quest'anno in rosso di €2 miliardi a causa della svalutazione dell'avviamento di attività domestica per €3,18 miliardi. L'operatore telefonico indica che senza tale intervento l'utile avrebbe ammontato a €1,17 miliardi, in linea con il primo semestre 2010. I ricavi di Telecom Italia sono cresciuti del 10% a €14,54 miliardi. L'Ebitda ha ammontato a €5,98 miliardi, in crescita del 4,3% rispetto al primo semestre del 2010. Gli analisti avevano previsto ricavi di €14,47 miliardi ed un Ebitda di €5,93 miliardi. Telecom Italia ha beneficiato nei primi sei mesi di quest'anno della solida performance delle sue attività nell'America Latina. Secondo l'Amministratore Delegato Franco Bernabè, inoltre, il trend dei ricavi domestici starebbe migliorando grazie alla stabilizzazione dei prezzi sul comparto mobile e alla difesa del valore della base clienti sul comparto fisso. Bernabè indica che la svalutazione dell'avviamento non determina conseguenze di natura finanziaria e non modifica il percorso di riduzione dell'indebitamento e la politica di distribuzione dei dividendi della società. L'indebitamento finanziario netto rettificato si è attestato a €31,11 miliardi, in calo di €349 milioni rispetto al 31 dicembre 2010 e di circa €2,5 miliardi rispetto al 30 giugno 2010. Telecom Italia ha confermato i suoi obiettivi per il 2011: ricavi ed Ebitda organici sostanzialmente stabili rispetto al 2010 (considerando la Business Unit Argentina consolidata per 12 mesi), investimenti industriali pari a circa €4,8 miliardi e un indebitamento finanziario netto rettificato pari a circa €29,5 miliardi a fine anno.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption