UBS: L'utile netto cala nel primo trimestre del 50%, sotto attese

La banca svizzera ha avvertito che non potrà raggiungere gli obiettivi stabiliti nel 2009.

CONDIVIDI
UBS (CH0024899483) ha annunciato oggi che nel secondo trimestre di quest'anno il suo utile netto è calato del 50% a CHF 1 miliardo. Gli analisti avevano atteso CHF 1,2 miliardi. Sui conti di UBS hanno pesato l'apprezzamento del franco svizzero ed il calo dei proventi da negoziazione nell'unità Fixed Income, Currencies and Commodities (FICC). I ricavi di UBS sono calati lo scorso trimestre del 14% a CHF 7,2 miliardi. La raccolta netta è stata pari a CHF 8,7 miliardi rispetto ai CHF 22,3 miliardi del primo trimestre. Il coefficiente patrimoniale BRI Tier 1 si è attestato al 30 giugno 2011 al 18,1% rispetto al 17,9% della fine del primo trimestre. UBS indica che le attuali incertezze che gravano sulla congiuntura economica non sembrano dissolversi. Pertanto non ci dovrebbero essere dei sensibili miglioramenti nella situazione dei mercati per il terzo trimestre 2011, soprattutto alla luce del ridimensionamento stagionale dell'attività che accompagna le vacanze estive. La banca svizzera avverte inoltre che i nuovi requisiti patrimoniali e regolamentari, unitamente al deterioramento delle prospettive economiche, potrebbero pesare sui suoi rendimenti futuri, riducendo le prospettive di crescita per il settore. UBS non potrà di conseguenza raggiungere l'obiettivo relativo agli utili ante imposte stabilito nel 2009 nell'arco dei 3–5 anni originariamente preventivati. Nei prossimi due-tre anni UBS punta a tagliare i suoi costi per CHF 1,5–2,0 miliardi, ma vuole continuare a investire nelle aree di crescita.
Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro