Bankitalia: La pressione fiscale sale nel 2012 al 44%

bankitalia-la-pressione-fiscale-sale-nel-2012-al-44
La pressione fiscale sugli italiani è aumentata significativamente. © iStockPhoto

Tra i paesi della zona euro solo Austria, Belgio e Francia sono più tartassati dalle tasse. Aumenta il debito pubblico ma scende il deficit.

CONDIVIDI

La pressione fiscale è aumentata in Italia nel 2012, rispetto all'anno precedente, dal 42,5% al 44%. È quanto risulta dalle statistiche di finanza pubblica diffuse oggi dalla Banca d'Italia.

Tra i paesi della zona euro solo Austria, Belgio e Francia sono più tartassati dalle tasse. Nell'intera UE l'Italia si trova al sesto posto (oltre ai Paesi sopra citati hanno una pressione fiscale più elevata Danimarca e Svezia che sono fuori dalla moneta unica).

Il dato italiano è superiore sia rispetto alla media dell'Eurozona (41,6%), che a quella dell'intera UE (40,5%).

Da notare che negli ultimi dieci anni la pressione fiscale è aumentata in Italia del 3,5%. Tra tutti i Paesi dell'UE solo Cipro ha registrato dal 2002 un aumento più forte.

Debito pubblico: solo la Grecia sta peggio

Il rapporto debito pubblico/PIL dell'Italia è salito nel 2012 al 127% dal 120,7% del 2011. Tra tutti i Paesi dell'UE solo la Grecia ha fatto peggio (156,9%). La media dell'UE è 85,2%, quella dell'area euro 90,6%.

Scende il deficit

Decisamente migliore il dato sul deficit che è sceso, rispetto al 2011, dal 3,8% del PIL al 3%. L'Italia rispetta il vincolo fissato dal Trattato di Maastricht ed è uno dei Paesi più virtuosi. La media dell'UE è al 3,9% mentre quella dell'area euro è al 3,7%. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Clicca per consultare le Statistiche di finanza pubblica di Bankitalia

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro