Crisi, nel 2013 retribuzioni orarie +1,4%, aumento più basso dal 1982

crisi-nel-2013-retribuzioni-orarie-14-aumento-piu-basso-dal-1982
Gli italiani hanno sempre meno soldi in tasca. © Shutterstock

I salari sono aumentati lo scorso anno in Italia poco più dei prezzi (+1,2%). Nel solo mese di dicembre l'indice dell'Istat è rimasto invariato.

CONDIVIDI

La retribuzione oraria è cresciuta nel 2013 dell'1,4%, il tasso più basso dal 1982, anno di inizio delle serie storiche. Lo ha comunicato oggi l'Istat.

L'Istituto nazionale di statistica osserva che i salari sono aumentati lo scorso anno poco più dei prezzi (+1,2%).

Le retribuzioni del settore privato hanno registrato un aumento dell'1,8%, mentre quelle della pubblica amministrazione hanno avuto una variazione nulla.

Aumenti significativamente superiori alla media sono stati osservati lo scorso anno nei seguenti comparti: alimentari, bevande e tabacco (4,1%); agricoltura (2,7%); chimiche (2,3%). Le variazioni più contenute sono state invece rilevate nel settore dell’edilizia (0,4%) e in quello del tessile, abbigliamento e lavorazione pelli (0,8%).

I dati di dicembre

Nel solo mese di dicembre l'indice dell'Istat relativo alle retribuzioni contrattuali orarie è rimasto invariato rispetto al mese precedente e aumentato dell'1,3% nei confronti di dicembre 2012.

Lo scorso mese le retribuzioni contrattuali orarie hanno registrato un incremento tendenziale dell'1,7% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

I settori che a dicembre hanno presentato gli incrementi tendenziali maggiori sono stati: telecomunicazioni (4,0%); agricoltura (3,5%) e metalmeccanica (2,3%).

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro