UniCredit annuncia perdita record, quoterà Fineco

unicredit-annuncia-perdita-record-quotera-fineco
Il logo di UniCredit.

UniCredit ha chiuso lo scorso anno in rosso di 14 miliardi. Pesano accantonamenti su crediti e svalutazioni su avviamento.

CONDIVIDI

UniCredit (IT0000064854) ha annunciato oggi di aver chiuso il 2013 in rosso di €14 miliardi rispetto all'utile di €865 milioni del 2012 . Nel solo quarto trimestre l'istituto di credito ha registrato una perdita di €15 miliardi a fronte di -€553 milioni dello stesso periodo del 2012.

Gli accantonamenti su crediti sono aumentati lo scorso anno del 46,8% a €13,7 miliardi. Nel quarto trimestre gli accantonamenti hanno ammontato a €9,3 miliardi, in aumento rispetto a €4,5 miliardi del quarto trimestre dell'anno precedente.

A pesare sui conti di UniCredit sono state inoltre le svalutazioni su avviamento per €9,3 miliardi nel quarto trimestre.

I ricavi sono scesi lo scorso anno del 4,1% a €24 miliardi. Il margine operativo lordo si è attestato a €9,2 miliardi, in calo del 9,9% rispetto al 2012.

Situazione patrimoniale e dividendo

Per quanto riguarda la situazione patrimoniale alla fine del 2013 il Common equity tier 1 si è attestato al 10,4% (9,4% anticipando pienamente gli effetti di Basilea 3 e includendo il beneficio della valutazione della quota detenuta in Banca d’Italia).

Il Consiglio di Amministrazione di UniCredit proporrà per il 2013 il pagamento di un dividendo da riserve di utili di €0,10 mediante attribuzione di azion di nuova emissione oppure, su specifica richiesta degli azionisti, mediante versamento in contanti (cosiddetto scrip dividend).

Piano industriale e quotazione Fineco

UniCredit ha anche annunciato il piano industriale al 2018 che vede un utile netto a fine periodo di €6,6 miliardi e un Common equity tier 1 al 10% anticipando pienamente gli effetti di Basilea 3. Per il 2014 l'utile netto è visto a circa €2 miliardi.

Nell'ambito di una gestione attiva del portafoglio di partecipazioni, UniCredit quoterà in borsa Fineco per imprimere un'ulteriore accelerazione alla sua crescita. In parallelo, UniCredit valuterà la potenziale cessione di UniCredit Credit Management Bank (UCCMB) la più grande piattaforma di riscossione di crediti in Italia, a un operatore specializzato.

Ristrutturazione rete commerciale

UniCredit ha comunicato infine che ristrutturerà la sua rete commerciale. La misura condurrà alla riduzione di 8.500 dipendenti entro il 2018, di cui oltre 5700 in Italia. UniCredit si attende dal taglio del personale risparmi per €300 milioni nel 2016 e €700 milioni su base ricorrente a partire dal 2018 (incluso l'effetto dei costi di ristrutturazione aggiuntivi per circa €650 milioni da contabilizzare nel 2016).

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro