La Confcommercio alza leggermente le stime su PIL e consumi

la-confcommercio-alza-leggermente-le-stime-su-pil-e-consumi
I consumi dovrebbero rimanere fermi nel 2014. © Shutterstock

La Confcommercio si attende che l'economia italiana crescerà nel 2014 dello 0,5%. Il mercato del lavoro dovrebbe rimanere debole.

CONDIVIDI

La Confcommercio si attende che il PIL dell'Italia crescerà nel 2014 dello 0,5% contro il +0,3% atteso in precedenza. L'associazione dei commercianti indica che anche se lenta si tratta comunque di un'inversione di tendenza rispetto agli anni passati quando si è registrato un calo del PIL del 2,4% nel 2012 e dell'1,9% nel 2013.

La Confcommercio ha rivisto al rialzo anche le sue previsioni sui consumi nel 2014, da -0,2% a +0,0%.

Mariano Bella, il direttore dell'Ufficio Studi, osserva che se a maggio, cosi' come previsto dal Governo Renzi, saranno erogate risorse per 12 miliardi netti alle famiglie il PIL potrebbe crescere di un ulteriore 0,3% portando la stima per l'anno a un +0,8%. Mentre la previsione per i consumi si alzerebbe a un +1%.

Per il 2015 la Confcommercio prevede un aumento del PIL dello 0,9% e dei consumi dello 0,7%.

Per quanto riguarda gli investimenti le previsioni sono di una crescita dello 0,9% nel 2014 e dell'1,1% nel 2015.

Il mercato del lavoro resterà debole. La Confcommercio si attende che gli occupati continueranno a scendere anche quest'anno (dell'1,2% dopo il -2,1% nel 2012), per tornare a crescere dello 0,4% nel 2015. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Tra le poche stime relativamente positive messe in conto dagli analisti di Confcommercio ci sono la stabilita' della pressione fiscale (al 44,1%), che poi dovrebbe scendere al 43,9% nel 2015, il modesto recupero del reddito disponibile (+0,2% quest'anno e nel prossimo, dopo il -1,2% nel 2012) e un'inflazione sempre sotto stretto controllo (0,8% nel 2014, 1,7% nel 2015, dopo 1,2% nel 2012).

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro