Borsainside.com
etoro

Crisi: I consumi delle famiglie restano al palo

crisi-i-consumi-delle-famiglie-restano-al-palo
La crisi continua a pesare sui consumi delle famiglie. © Shutterstock

E' quanto emerge da un'indagine realizzata dal Centro studi di Unioncamere. Le vendite delle imprese del commercio sono calate nel primo trimestre del 3,7%.

I consumi delle famiglie italiane restano al palo. E' quanto emerge da un'indagine realizzata dal Centro studi di Unioncamere.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Nel primo trimestre di quest'anno le vendite delle imprese del commercio sono calate del 3,7% e quelle delle imprese dei servizi del 2,6%. La situazione non dovrebbe inoltre migliorare nel breve termine. L'ampia maggioranza delle imprese (tra i due terzi del commercio e i tre quarti degli altri servizi) si attende un andamento degli affari sostanzialmente piatto anche nel secondo trimestre.

La situazione nel settore commerciale

Nonostante un lieve cenno di risalita rispetto ai due trimestri precedenti, la dinamica delle vendite commerciali è stata chiaramente negativa anche nei primi tre mesi del 2014. Unioncamere spiega che la perdita di fatturato ha continuato ad essere di entità rilevante tra le imprese con meno di 20 dipendenti (-4,5%), ma è stata comunque consistente anche tra quelle di dimensioni maggiori, compresa la grande distribuzione organizzata (-1,6%).

Le sofferenze si sono concentrate soprattutto tra le imprese delle regioni centrali (che hanno registrato una perdita del 5%) e tra quelle del Mezzogiorno (-4,2%). Nord-Ovest e Nord-Est, invece, hanno contenuto la flessione rispettivamente al -2,8% e al -2,5%.

Tra i settori, il più penalizzato è stato quello del commercio al dettaglio non alimentare (-4,2%), seguito dal Food (-3,4%). Ipermercati, supermercati e grandi magazzini hanno invece fermato la caduta al -1,6%.

Il desiderio di voltare pagina con la crisi induce il 24% delle imprese commerciali ad attendere un miglioramento del proprio fatturato tra aprile e giugno prossimo, mentre il 10% prevede una riduzione ulteriore delle vendite. La componente più cospicua, tuttavia, resta quella degli imprenditori che non si aspettano modifiche del quadro attuale (sono il 66%). Le maggiori attese di recupero interessano iper e supermercati e le imprese di maggiori dimensioni.

La situazione nel settore commerciale

Il volume d’affari del settore dei servizi (escluso il commercio al dettaglio) è risalito nel primo trimestre ma è restato con il segno meno. Il comparto degli Alberghi, ristoranti e servizi turistici ha chiuso il periodo al -4,1%, precedendo, nella “magra” graduatoria, gli Altri servizi (-3,9% per l’insieme delle attività finanziarie e assicurative, immobiliari e di gestione delle acque e dei rifiuti) e il Commercio all’ingrosso e autoveicoli (-3,2%).

La contrazione del fatturato è stata più intensa al Centro (-3,9%) e nel Nord-Ovest (-2,7%). Sud e Isole (-2,3%) e Nord-Est (-1,7%) si posizionano sopra la media.

Le previsioni per il secondo trimestre sono estremamente caute: il 74% delle imprese, infatti, prevede una prosecuzione dell’attuale andamento del mercato. Il 18% degli operatori si attende invece un miglioramento delle vendite, a fronte di un ulteriore 8% che attende una loro riduzione. Le più ottimiste sono le imprese del segmento turistico (+37 punti percentuali il saldo tra attese di incremento e di riduzione delle vendite, anche come effetto dell’incremento della domanda per le festività e i ponti di primavera). Sul fronte opposto, i Servizi alle persone e gli Altri servizi, nei quali la quota di imprese che attende un miglioramento del fatturato è pari a quella che prevede un suo ridimensionamento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Broker Caratteristiche Vantaggi Apri Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • 100% Azioni – 0 Commissioni
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC / MiFID II
  • A.C. Milan PARTNER
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
101Investing
  • Licenza: CySEC
  • Gran numero di valute e criptovalute
  • Deposito min: 100 €
Gran numero di valute e criptovalute Prova Gratis 101Investing opinioni

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS