Crisi: Occupazione ferma nelle grandi imprese, retribuzioni -0,5%

crisi-occupazione-ferma-nelle-grandi-imprese-retribuzioni--05
La situazione sul mercato italiano del lavoro resta molto difficile. © Shutterstock

Su base annua l'occupazione nelle grandi imprese è scesa a giugno dello 0,8% al lordo della Cig e dello 0,5% al netto dei dipendenti in Cig.

CONDIVIDI

A giugno 2014 l'occupazione nelle grandi imprese italiane è restata (in termini destagionalizzati) invariata rispetto a maggio sia al lordo sia al netto dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig). Lo ha comunicato oggi l'Istat.

Su base annua l'occupazione nelle grandi imprese è scesa dello 0,8% al lordo della Cig e dello 0,5% al netto dei dipendenti in Cig.

Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) è diminuita, rispetto a giugno 2013, dell'1,2%. L'incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate è stata pari a 30,7 ore ogni mille ore lavorate, in diminuzione di 2,9 ore ogni mille rispetto a giugno 2013.

A giugno la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) ha registrato una diminuzione dello 0,5% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l'indice grezzo è aumentato del 3,3%. Rispetto a giugno 2013 la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) sono aumentati rispettivamente del 2,2% e dell'1,6%. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

L'Istat spiega che, considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente è aumentata, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, dello 0,4%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro