Entrate tributarie in lieve calo nei primi 8 mesi, gettito IVA +3,2%

Nei primi otto mesi del 2014 le entrate tributarie erariali hanno ammontato a 266.060 milioni di euro, in leggero calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-0,4%, pari a -1.050 milioni di euro). Lo ha comunicato il Ministero dell’Economia e delle Finanze (http://www.mef.gov.it/).

Il gettito complessivo delle imposte dirette è stato pari a 142.603 milioni di euro, con una diminuzione del 3,5% (-5.158 milioni di euro) rispetto ai primi otto mesi dello scorso anno. Il gettito delle imposte indirette è invece aumentato nel periodo del 3,4% a 123.457 milioni di euro (+4.108 milioni di euro).

Le imposte dirette

Per quanto riguarda le imposte dirette l’IRPEF ha registrato una leggera variazione negativa dello 0,8% (-928 milioni di euro). L’IRES ha mostrato un calo del 18,7% (-3.531 milioni di euro), essenzialmente riconducibile ai minori versamenti a saldo 2013 e in acconto 2014, effettuati da banche e assicurazioni a seguito dell’incremento della misura dell’acconto 2013 fissato, per questi contribuenti, al 130% dal D.L. n. 133 del 30 novembre 2013.

Da segnalare la forte crescita del gettito derivante dalle ritenute sugli utili distribuiti dalle persone giuridiche (+110,7% pari a +465 milioni di euro) per effetto, sia dell’incremento dei dividendi distribuiti nel 2014, sia delle modifiche alla tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Le imposte indirette

Sul fronte delle imposte indirette il gettito IVA è cresciuto del 3,2% (+2.159 milioni di euro). In particolare – spiega il MEF – continua l’andamento positivo dell’IVA sugli scambi interni in aumento del 4,1% (+2.431 milioni di euro).

L’imposta di bollo è scesa e del 3,9% (-248 milioni di euro), per effetto della variazione negativa di 695 milioni di euro dell’imposta speciale sulle attività finanziarie scudate dovuta al passaggio dell’aliquota di imposta dal 13,5 per mille per il 2013 al 4 per mille a decorrere dal 2014. Considerando esclusivamente le altre componenti dell’imposta di bollo, si evidenzia invece una crescita dell’8,3% (+452 milioni di euro).

Tra le altre imposte indirette si segnala l’incremento del gettito dell’accisa sui prodotti energetici (oli minerali) pari al 6,8% (+1.017 milioni di euro), principalmente per effetto dell’abolizione della riserva destinata alle regioni a statuto ordinario, che dal mese di dicembre 2013 viene contabilizzata tra le imposte erariali. Cresce il gettito dell’accisa sul gas naturale per combustione del 18,6% (+451 milioni di euro) e quello dell’accisa sull’energia elettrica e addizionali pari a 18,2% (+277 milioni di euro).

Le altre entrate

Le entrate relative ai giochi presentano, nel complesso, una lieve crescita dello 0,5% (+36 milioni di euro).

La lotta all’evasione fiscale ha registrato ulteriori progressi. Il gettito relativo alle entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo è cresciuto del 14,2% (+681 milioni di euro).

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.