CGIA: Tasse e burocrazia soffocano le imprese italiane

Le tasse e la burocrazia soffocano le imprese italiane. A denunciarlo è la CGIA di Mestre.

Secondo l’associazione degli artigiani il contributo fiscale e i costi burocratici dei quali le imprese si fanno carico ogni anno ammontano a ben 248,8 miliardi di euro. Un peso che, in linea di massima, non ha eguali nel resto d’Europa. “In nessun altro Paese d’Europa – ha dichiarato Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA – viene richiesto un simile sforzo fiscale”.

La CGIA indica che le imprese italiane contribuiscono al gettito fiscale nazionale per oltre 110 miliardi di euro, secondo le metodologie utilizzate da Eurostat. In questo importo, però, mancano alcune tasse minori, come il prelievo comunale sugli immobili strumentali e altri piccoli tributi locali. Complessivamente questa voce ammonta ad almeno 12,5 miliardi di euro. Inoltre vanno aggiunti i contributi a carico delle imprese versati per la copertura previdenziale dei propri dipendenti, una cifra stimata in circa 95 miliardi. Integrando questi ultimi dati con le statistiche Eurostat, si può affermare che complessivamente le imprese italiane subiscono un peso tributario e contributivo pari a 217,8 miliardi di euro

Allo sforzo fiscale si vanno ad aggiungere i 31 miliardi dei costi amministrativi che le imprese italiane patiscono ogni anno per districarsi tra timbri, certificati, formulari, bolli, moduli e pratiche varie. Quindi il totale arriva a 248,8 miliardi di euro: una “cifra che fa tremare i polsi”, ha affermato Bortolussi.

Osservando più da vicino la voce tasse si scopre che l’imposta che produce il maggior gettito per le casse dello Stato è l’Ires: l’imposta sui redditi delle società garantisce all’Erario quasi 33 miliardi all’anno. L’Irpef versata dai lavoratori autonomi, invece, pesa 26,9 miliardi, mentre l’Irap in capo alle imprese private garantisce un gettito di 24,4 miliardi. Infine l’importo dei contributi previdenziali versati dagli autonomi è pari a 23,6 miliardi.

La CGIA stima che il peso economico medio della burocrazia per ogni impresa sia di circa 7 mila euro, quasi 31 miliardi in tutto. “Trentuno miliardi di euro corrispondono a circa 2 punti di Pil: una cifra raccapricciante”, ha spiegato Bortolussi. “Di fatto la burocrazia – ha aggiunto – è diventata una tassa occulta che sta soffocando il mondo delle Pmi”.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.