Imprese, non si ferma la corsa dei fallimenti, +18,7% nel terzo trimestre

imprese-non-si-ferma-la-corsa-dei-fallimenti-187-nel-terzo-trimestre
La crisi spinge sempre più imprese sul lastrico. © iStockPhoto

Più di 2.800 imprese hanno aperto nel terzo trimestre una procedura fallimentare. Il settore del commercio il più colpito.

CONDIVIDI

Non si ferma la corsa dei fallimenti: nel terzo trimestre più di 2.800 imprese hanno aperto una procedura fallimentare, per un aumento pari al 18,7% rispetto allo stesso periodo del 2013. È quanto emerge dalla rilevazione trimestrale condotta per Unioncamere da InfoCamere – la società di sistema delle Camere di Commercio italiane.

Nei primi nove mesi del 2014 i fallimenti sono stati oltre 10.000, il 18,6% in più rispetto al dato già elevato dell’anno precedente.

La crescita dei default ha riguardato tutte le forme giuridiche, con tassi di crescita a due cifre: +20,6% per le società di capitale, +14% per le società di persone e +27,6% per le altre forme giuridiche.

Il settore del commercio il più colpito

Sull’aumento dei fallimenti registrato nel trimestre estivo ha pesato il contributo del commercio che, con i suoi 685 eventi e un incremento che ha superato il 23% rispetto al III trimestre 2013, rappresenta il 24% delle aperture totali.

Numeri importanti, in termini assoluti e di incremento relativo, anche per costruzioni e manifattura: le attività legate al mondo edile, con 610 procedure fallimentari presentano un aumento del 25% rispetto allo stesso periodo del 2013, mentre l’industria manifatturiera supera i 550 casi e registra un incremento più contenuto, pari al 3,4%.

Volano i fallimenti al Centro

L’aumento delle procedure fallimentari tra giugno e settembre ha riguardato tutta la Penisola, con tassi ovunque a doppia cifra, ad eccezione del Nord-Est, in cui si è registrata una contrazione dello 0,7% a quota 547, livello più basso rispetto a tutte le aree del Paese. Il Nord Est ha beneficiato del calo dei fallimenti registrato in Friuli Venezia Giulia (-11,7%) e in Emilia Romagna (-6,7%), mentre le procedure risultano in crescita in Trentino Alto Adige (+2,6%) e in Veneto (+6,6%).

Al Centro, l’area con il tasso di aumento maggiore del periodo (+31,4%), i fallimenti sfiorano le 600 unità, con aumenti diffusi in 3 regioni (Lazio +41,3%, Toscana +38,4% e Marche +23,1%). L’Umbria risulta invece in controtendenza (-20,5%).

Anche nel Nord-Ovest (+25,2%) si registra un tasso di crescita superiore alla media del Paese, con aumenti che variano tra il +66,7% della Liguria e il +19,4% della Lombardia. Nell’area l’unica regione senza segno più è la Valle d’Aosta, dove i fallimenti risultano stabili, a quota 3.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro