Istat, la contrazione dell'economia si arresterà nei prossimi mesi

Istat, la contrazione dell'economia si arresterà nei prossimi mesi
L'Italia dovrebbe uscire dalla recessione all'inizio del 2015. © Shutterstock

L'Istat avverte tuttavia che le condizioni del mercato del lavoro rimangono difficili. Nessun effetto positivo dal calo del prezzo del petrolio.

CONDIVIDI

La fase di contrazione dell’economia italiana dovrebbe arrestarsi nei prossimi mesi. Lo afferma l'Istat nella sua ultima nota mensile.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

L'ufficio di statistica osserva che dalla domanda interna stanno arrivando alcuni segnali positivi. Le condizioni del mercato del lavoro rimangono tuttavia difficili con livelli di occupazione stagnanti e tasso di disoccupazione in crescita.

Per l'ultimo trimestre del 2014 l’indicatore composito anticipatore dell’economia italiana segnala una sostanziale stazionarietà della crescita.

Nessun effetto positivo dal calo del prezzo del petrolio

Ampio spazio viene dedicato nella nota mensile all'impatto del forte calo del prezzo del petrolio. Secondo l'Istat, in una fase di debolezza ciclica quale quella sperimentata attualmente in Europa, gli effetti espansivi legati alla riduzione delle quotazioni del greggio dovrebbero essere inferiori a quanto atteso in condizioni normali.

L'Istat prevede che il calo dei prezzi dei prodotti energetici accentuerà le spinte disinflazionistiche con un impatto negativo sulle aspettative. In questo contesto, i paesi maggiormente indebitati dovrebbero vedere aumentare il costo reale del debito.

L'effetto espansivo per l’area dell’euro è stimato pari a 0,1 e 0,3 decimi di punto, rispettivamente, nel 2015 e 2016. Per la sola Italia l'impatto della caduta del prezzo del petrolio dovrebbe essere nullo nel 2015.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro