La Borsa di Milano sprofonda su timori Grexit

La Borsa di Milano sprofonda su timori Grexit
La Borsa di Milano è andata oggi a picco. © Shutterstock

Il FTSE MIB ha perso il 4,9% a 18.188,44 punti. Crolla Eni. Resistono MPS e Luxottica.

CONDIVIDI

La Borsa di Milano è andata oggi a picco. Il FTSE MIB ha perso il 4,9% a 18.188,44 punti.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

L'incertezza relativa al futuro della Grecia è drammaticamente aumentata. Secondo quanto riporta il settimanale "Der Spiegel" il governo tedesco avrebbe cambiato posizione e sarebbe ora disposto ad accettare che Atene esca dall'euro se Syriza, il partito di sinistra radicale guidato da Alexis Tsipras, dovesse vincere le elezioni del 25 gennaio. La notizia ha fatto precipitare la moneta unica al di sotto di quota 1,20 dollari.

Gli investitori sono inoltre sempre più preoccupati a causa del rapido declino del prezzo del petrolio. Le quotazioni del WTI sono scese oggi per la prima volta dall'aprile del 2009 al di sotto di $50 al barile.

Eni (IT0003132476) ha perso l'8,4%. Citigroup ha tagliato il suo rating sul titolo del cane a sei zampe da "Neutral" a "Sell". Tra gli altri petroliferi Saipem (IT0000068525) ha perso il 4,8% e Tenaris (LU0156801721) il 5,4%.

Pioggia di vendite anche sui bancari. Banca Popolare dell'Emilia Romagna (IT0000066123) ha perso il 4,9%, Banco Popolare (IT0004231566) il 4,3%, Mediobanca (IT0000062957) il 4,4%, Banca Popolare di Milano (IT0000064482) l'1,8%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) il 6%, UBI Banca (IT0003487029) il 5,8% e UniCredit (IT0000064854) il 6,6%.

Banca MPS (IT0001334587) ha guadagnato controtendenza lo 0,2%. Secondo delle indiscrezioni di stampa il capital plan della banca senesa verrà approvato dal consiglio direttivo della BCE nella riunione del prossimo 4 febbraio.

Luxottica (IT0001479374) ha guadagnato l'1%. Il leader del settore dell'occhialeria beneficia significativamente della debolezza dell'euro.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Migliori Peggiori
Luxottica +1,0 % Eni -8,4 %
Banca MPS +0,2 % UniCredit -6,6 %
Azimut -1,1 % Enel -6,5 %
World Duty Free -1,1 % Intesa Sanpaolo -6,0 %
Ferragamo -1,6 % UBI Banca -5,8 %
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro