Banche: Le sofferenze sfiorano 190 miliardi, ma rallenta il calo dei prestiti

Nonostante qualche segno di ripresa il settore bancario italiano resta in una profonda crisi. È quanto emerge dall’ultimo bollettino mensile dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana).

Le sofferenze lorde sono cresciute a marzo di €2,3 miliardi rispetto a febbraio e di circa €25 miliardi rispetto allo stesso mese del 2014 (+15,1%) raggiungendo €189,5 miliardi. Si tratta di un nuovo livello record.

Le sofferenze nette sono risultate a marzo pari a €81,3 miliardi, in aumento di €1,6 miliardi rispetto al mese precedente e €5,2 miliardi in più rispetto al marzo 2014 (+6,8% l’incremento annuo).

In rapporto agli impieghi, le sofferenze lorde risultano pari al 9,8% a marzo (8,6% un anno prima). Si tratta del più alto livello dalla fine del 1996. Tale valore raggiunge il 16,6% per i piccoli operatori economici (14,6% a marzo 2014), il 16,7% per le imprese (14% un anno prima) ed il 7,1% per le famiglie consumatrici (6,4% a marzo 2014).

Il rapporto tra sofferenze nette e impieghi totali si è attestato al 4,42%, dal 4,38% di febbraio e dal 4,12% di marzo 2014.

Per quanto riguarda i prestiti bancari ad aprile c’è stato, secondo l’ABI, un miglioramento – ancorchè ancora su valori negativi – della dinamica annua. Sulla base di prime stime il totale prestiti a residenti in Italia (settore privato più Amministrazioni pubbliche al netto dei pct con controparti centrali) si è attestato a €1.825,8 miliardi, segnando una variazione annua di -0,8% (-1,2% il mese precedente).

I prestiti a famiglie e società non finanziarie hanno ammontato, sempre ad aprile, a €1.407 miliardi, segnando una variazione annua lievemente negativa, pari a -0,8%, il miglior risultato da maggio 2012 (-1% a marzo).

Nel mese di marzo la dinamica dei prestiti alle imprese non finanziarie è risultata pari a -2,2% (-3% il mese precedente). In lieve flessione la dinamica tendenziale del totale prestiti alle famiglie (-0,3% a marzo, -0,4% mese precedente).

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Italiana Oggi Quotazioni in Tempo Reale Azioni Indici

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.